Home » Sintomi Parkinson, il primo segno dal sonno: la scoperta che può anticipare la diagnosi
Salute

Sintomi Parkinson, il primo segno dal sonno: la scoperta che può anticipare la diagnosi

Sintomi Parkinson, il primo segno dal sonno: la scoperta che può anticipare la diagnosi. Lentezza dei movimenti e il tremore a riposo, non sono i primi sintomi Parkinson, ma confermano che la malattia è in una fase già avanzata. Ci sono però dei sintomi da non sottovalutare, che possono aiutare ad anticipare la diagnosi, come il sonno particolarmente disturbato.

A mettere in guardia è la Società Italiana di Neurologia (Sin), che ribadisce l’importanza di intervenire presto con terapie mirate contro questa malattia che colpisce 5 milioni di persone nel mondo, di cui circa 400.000 in Italia.

Il Parkinson si manifesta intorno ai 60 anni di età, ma tra il 10 e il 20% dei pazienti iniziano ad avere sintomi anche prima dei 50 anni, secondo i dati della Michael J. Fox Foundation. E queste forme a insorgenza giovanili sembrano in aumento. Così come si stima sia in costante aumento il numero dei pazienti colpiti, che porterà nei prossimi 15 anni a 6.000 nuovi casi ogni anno nel nostro Paese.

Come riporta Ansa, la causa di questa malattia neurodegenerativa è la presenza anomala, nel cervello, di aggregati della proteina alfa-sinucleina, che porta alla morte selettiva dei neuroni produttori di dopamina. Spesso, nel momento in cui si riceve la diagnosi, oltre il 60% delle cellule dopaminergiche sono già degenerate.

“Iniziare il trattamento in fase precoce o anche pre-sintomatica è importante sia per controllare i sintomi che per rallentare l’evoluzione. In queste fasi, infatti, i farmaci dopaminergici o neuroprotettivi in studio potrebbero modificarne il decorso”, ha spiegato Alfredo Berardelli, presidente Sin e ordinario di Neurologia presso La Sapienza Università di Roma.

Sintomi Parkinson, disturbi del sonno da non sottovalutare: la scoperta

Per diagnosticare la malattia nella fase pre-sintomatica bisogna prestare attenzione alle manifestazioni cliniche non specifiche come deficit dell’olfatto, depressione, ma anche, come recenti ricerche confermano, il disturbo comportamentale durante il sonno Rem: circa il 60% dei pazienti che urlano, scalciano, tirano pugni, infatti, sviluppa Parkinson entro 10-12 anni.

Ad oggi non c’è una cura definitiva ma sono disponibili farmaci che possono tenere sotto controllo i sintomi, a cui possono essere associate anche terapie come ultrasuoni focalizzati e stimolazione cerebrale profonda. La ricerca scientifica prosegue ma ha bisogno di dati sempre più precisi.

“I disordini del movimento sono fonte di un elevato grado di disabilità ma non sono disponibili dati epidemiologici precisi sulla distribuzione di queste malattie. Per questo abbiamo avviato il progetto Radac (Raccolte Dati Clinici), che ha l’obiettivo di consentire la raccolta sistematica di dati clinici su soggetti affetti da diversi tipi di disordini del movimento, residenti nelle diverse regioni, al fine di valutarli, archiviarli e renderli disponibili per studi e ricerche”, sottolinea Mario Zappia, presidente dell’Accademia Limpe-Dismov.

Questo permetterà di “definire la prevalenza e l’incidenza di tali patologie a livello regionale e nazionale e di identificare sottotipi clinici insieme ai fattori di rischio e ai fattori protettivi”. Tra questi ultimi, “anche l’alimentazione sana e una regolare attività fisica hanno dimostrato avere un ruolo importante”, conclude Leonardo Lopiano, presidente di Fondazione Limpe.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui 

Leggi anche:
Parkinson, tampone scopre malattia anni prima della comparsa dei sintomi: la novità

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com