Home » Alessandro Borghi: “Social? È tutto un problema di ego, scatta un meccanismo. Con Diavoli indaghiamo dietro la facciata”
Televisione

Alessandro Borghi: “Social? È tutto un problema di ego, scatta un meccanismo. Con Diavoli indaghiamo dietro la facciata”

Alessandro Borghi: “Social? È tutto un problema di ego, scatta un meccanismo. Con Diavoli indaghiamo dietro la facciata”. Alessandro Borghi sui social e non solo, l’attore romano parla della serie Diavoli che lo vede protagonista insieme a Patrick Dempsey in una intervista a ‘Il Corriere della Sera’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

[…] «Quando hai 15 anni e tutti i tuoi amici o si drogano o fanno le rapine e tu decidi di non farlo, ecco, quella è una scelta».

Oggi, in virtù di quella scelta, si trova a recitare fianco a fianco con Dempsey.
«A Patrick voglio molto bene, mi ha accolto in una maniera non scontata. Ci siamo incontrati alla prima lettura e sembrava ci conoscessimo già da tempo. Questa seconda stagione, poi, è ancora più bella della prima».

Dopo la Brexit sullo sfondo arriva il Covid. È stata annunciata una terza stagione in cui ci sarà la guerra.
«Purtroppo ogni anno c’è qualcosa di nuovo. Ma come per il Covid, anche la guerra in Ucraina sarà raccontata per capire certi meccanismi di cui i cittadini sono all’oscuro. Con “Diavoli” andiamo a indagare dietro la facciata».

Non c’è il rischio di restare contagiati da tanto cinismo?
«Ho una dote: riesco a scindere moltissimo il mio lavoro dalla mia vita. Dopo la prima stagione sarei potuto diventare ceo di qualche azienda e cambiare carriera per tutto quello che mi è stato spiegato, ma preferisco pensare che ognuno di noi dovrebbe semplicemente cercare di sapere il più possibile, per rendersi conto delle conseguenze delle nostre azioni quotidiane».

Alessandro Borghi: “Social? È tutto un problema di ego”

Di questi tempi si tende spesso al complottismo.
«Sì, ma anche al parere facile, acchiappa like. Non so perché tante persone siano convinte che tutti debbano sapere ad ogni costo cosa pensano di un argomento. È tutto un problema di ego: quando entri nel loop di pensare che tutti aspettano la tua opinione è un guaio».

Lei, stando all’uso dei suoi social, non corre il rischio.
«Cerco di fare del mio meglio, ma spesso quando leggo opinioni non richieste mi viene da rispondere: “Per scrivere certe cose che fonte hai? Che fondamenta ha il concetto che stai esprimendo?”. Mi trattengo, ma non sempre».

Uno dei suoi ruoli più celebri è quello di Stefano Cucchi. Cosa pensa della sentenza che ha portato in carcere due carabinieri per 12 anni?
«È una risposta alla lotta che si sta facendo da tanti anni con Ilaria (la sorella di Cucchi, ndr) e con una serie di persone che non crede che Stefano fosse un tossico che meritava di morire. Ho due pensieri a riguardo: il primo è che 12 anni sono pochi, il secondo è che ci sono molte persone rimaste impunite e che invece dovrebbero pagare le conseguenze per quello che hanno fatto. Un sacco di persone non si sono occupate di Stefano come avrebbero dovuto, non solo due» […].

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com