Home » Milena Vukotic: “Ugo Tognazzi attore gigantesco, aveva soprattutto una qualità”
Spettacolo

Milena Vukotic: “Ugo Tognazzi attore gigantesco, aveva soprattutto una qualità”

Milena Vukotic: “Ugo Tognazzi attore gigantesco, aveva soprattutto una qualità”. Milena Vukotic su Ugo Tognazzi l’attrice racconta aneddoti e retroscena legati al grande attore scomparso in una intervista a ‘Il Fatto Quotidiano’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

Prima dell’esordio di “Amici miei” di Monicelli nel 1975, lei aveva già lavorato con Ugo Tognazzi?
“Sì, avevamo già lavorato insieme in “Venga a prendere il caffè da noi”, diretto da Alberto Lattuada nel 1970 e basato sul romanzo La spartizione di Piero Chiara. È lì che ci siamo conosciuti per la prima volta.

Quel lavoro pareva scritto appositamente per noi, perché raccontava la storia di un uomo che entra nelle vite di tre zitelle. Né io, né le altre due interpreti femminili di quel film, Francesca Romana Coluzzi e Angela Goodwin, conoscevamo Tognazzi. Ma nonostante ciò siamo entrati subito in una dimensione familiare, perché il film portava continuamente a delle situazioni collegate alla casa dove vivevano le tre zitelle”.

E com’era il vostro rapporto con Ugo?
“Fu un incontro giocoso sin dall’inizio. E si è via via sempre più sviluppato in un rapporto molto umano e allegro, fino alla fine della lavorazione del film”.

E poi?
“Poi ci siamo separati e dopo qualche anno abbiamo dato vita a un…matrimonio cinematografico sul set di “Amici miei” di Mario Monicelli. Io sono stata la moglie del conte Lello Mascetti nei primi due film della trilogia”.

Milena Vukotic: “Ugo Tognazzi aveva soprattutto una qualità”

[…] Ma lei ha qualche ricordo personale di Tognazzi fuori dal set?
“Il primo che mi viene in mente è riferito a un nostro incontro casuale a Firenze, diversi anni dopo il secondo film di “Amici miei”. Eravamo nello stesso albergo, ci siamo incrociati e lì mi disse: ‘Ah, beata te che fai cinema’ perché lui in quel momento stava facendo teatro e non era molto felice. In quell’occasione parlammo di varie cose. Erano passati tanti anni dall’ultima volta che ci eravamo incontrati e dai suoi discorsi traspariva che il cinema gli mancava molto”.

Torniamo al Tognazzi attore. Era rispettoso del copione oppure spesso ci metteva del suo?
“Era abbastanza disciplinato per quanto riguarda i dialoghi, ma ogni tanto inventava delle cose, sempre all’insegna della comicità. Mi ricordo anche momenti di ilarità generale durante i quali dovevamo fermarci perché non si poteva più andare avanti. Ridevamo tutti. E poi lui ci teneva moltissimo alla sua arte culinaria: alla fine del film lui organizzò una cena molto ricercata, alla quale sin da subito dimostrò di tenerci molto. E questo era un po’ il suo vezzo. Poi ci sarebbero altre cose carine…”.

Se ne ricorda qualcuna?
“Durante la lavorazione di un film, non ricordo quale, giravamo scene in esterni. Dal fondo della strada apparve Maria Sole, figlia di Ugo, che all’epoca doveva avere 6-7 anni. In quel momento lui s’illuminò in volto, nonostante la scena richiedesse un atteggiamento serio. E quella situazione mi rimase in mente. Ho anche un altro ricordo, legato al film “La terrazza” di Ettore Scola”.

Milena Vukotic: “Ugo Tognazzi attore gigantesco”

Me lo racconta?
“In quella pellicola interpretavo la moglie di Jean-Louis Trintignant e Ugo era il marito di Ombretta Colli. Su questa terrazza dove giravamo c’erano dei lunghi momenti di pausa e mi ricordo di uno scherzo terribile che Tognazzi faceva, da ragazzaccio proprio. Dal momento che eravamo tutti lì ad aspettare il nostro turno per girare le scene, lui aveva un mano un piccola bottiglietta di plastica con lo spruzzo con dell’acqua dentro.

Lui andava alle spalle di un’attrice, che era pronta per girare, e mentre questa stava chiacchierando con qualcuno, lui le andava vicino, faceva un grande starnuto finto e lasciava partire lo spruzzo nel collo. E questa poveraccia improvvisamente si girava e dietro c’era lui… Ecco lui faceva questi scherzi da ragazzaccio perché sentiva il bisogno di allentare la tensione”.

Però lei porta un buon ricordo di Ugo Tognazzi?
”Sì, molto. Perché è legato a dei momenti felici di lavoro. E poi ho questi piccoli aneddoti che me lo lasciano nella memoria in modo sereno. Anche se va sottolineata l’enorme bravura di Ugo, un attore gigantesco che era capace di trasformarsi in pochi attimi, perché aveva una sua originalità unica. Non era solo un comico, era un attore a tutto tondo”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com