Home » Resta incastrato col pene in un bullone: autoerotismo finisce male per un 24enne
Curiosità

Resta incastrato col pene in un bullone: autoerotismo finisce male per un 24enne

Resta incastrato col pene in un bullone: autoerotismo finisce male per un 24enne. È successo nella città di Ho Chi Minh, in Vietnam, dove un 24enne è rimasto incastrato col pene in un bullone durante un gioco di autoerotismo finito male. Il giovane è arrivato in ospedale e ha detto ai medici che il dispositivo di fissaggio era rimasto bloccato lì per 10 ore. I medici hanno dovuto tagliare il dado d’acciaio con il trapano.

Il 24enne ha ammesso di aver spinto il dado esagonale spesso 2 cm attorno al suo organo per migliorare la sua esperienza di masturbazione. Il paziente sostiene che il suo pene era diventato insensibile e che non era in grado di urinare. Al suo arrivo in ospedale, la parte interessata era così gonfia che i medici non hanno potuto rimuovere a mano il bullone e sono stati costretti a usare un trapano dentale per tagliarlo.

A riportare la notizia è il Daily Mail che riporta il caso descritto dai medici sul Journal of Medical Case Reports. Il 24enne è stato ricoverato al pronto soccorso del Cho Ray Hospital. Il dado di metallo si era bloccato a 5 cm lungo il suo pene bloccando interamente la circolazione. Il prepuzio dell’uomo, tirato indietro durante la masturbazione, era diventato così gonfio da non poter tornare alla sua posizione normale e gli stava “strangolando” la punta del pene.

Resta incastrato col pene in un bullone: autoerotismo finisce male

Il paziente è stato collegato a una flebo endovenosa e gli sono stati somministrati antidolorifici, antibiotici e sedativi. A causa dello spessore del dispositivo e del gonfiore, i medici non sono stati in grado di rimuoverlo manualmente usando il lubrificanti. Poiché era “impossibile” tagliare il dado usando una tronchese, non c’era spazio tra l’oggetto di strangolamento e la pelle dell’uomo.

Dopo essersi consultati con i colleghi della clinica odontoiatrica dell’ospedale, i medici hanno deciso di utilizzare un trapano dentale elettrico portatile, che di solito viene utilizzato per praticare fori per le otturazioni e rimuovere la placca, ma viene anche utilizzato per rimuovere gli anelli che si incastrano sulle dita. Alla fine hanno rimosso l’anello del pene dopo una procedura di 45 minuti.

Il taglio del metallo crea calore come sottoprodotto, quindi il pene dell’uomo doveva essere spruzzato con acqua per raffreddarlo durante la procedura. I medici hanno anche posizionato un sottile pezzo di plastica tra il dispositivo e il pene per evitare ferite. Dopo una notte in ospedale, il 24enne è stato dimesso. Un appuntamento di follow-up un mese dopo ha mostrato che il suo pene è tornato alla normalità e che poteva urinare e diventare eretto, hanno detto i suoi medici.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Fa cacca nella piscina di un residence di lusso: ex medico citato per danni

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com