Home » Hawaii, cittadini sotto scacco…dei polli: invasione di galline selvatiche, trappole a Honolulu
Animali Curiosità

Hawaii, cittadini sotto scacco…dei polli: invasione di galline selvatiche, trappole a Honolulu

Hawaii, cittadini sotto scacco…dei polli: invasione di galline selvatiche, trappole a Honolulu. Alle isole Hawaii i cittadini sono costretti a fare i conti con una invasione di galline selvatiche. Secondo i residenti sono ovunque e stanno mettendo tutti in seria difficoltà. I legislatori hanno provato a fermarli con un programma quinquennale, perché ormai sono considerati «un pericolo per la strada e per la salute».

«Cantano in qualsiasi momento, di mattina presto, di pomeriggio, la notte. E poi fanno cacca ovunque. Quindi ogni volta che esco di casa devo guardare dove metto i piedi», ha detto un residente di Pearl City.

Secondo il New York Times, negli ultimi 800 anni i polli sono sempre vissuti sull’isola, in aree come Kailua e Kauai, ma la popolazione di uccelli selvatici è esplosa in parte a causa dei turisti che danno loro da mangiare spazzatura e cibo per gatti. Anni dopo, il National Geographic ha confermato che l’uragano Iwa e l’uragano Iniki hanno contribuito a far esplodere i pollai sull’isola, consentendo agli uccelli di riprodursi senza controllo: da allora, la popolazione è aumentata vertiginosamente.

Le Hawaii hanno quindi intrapreso una battaglia lunga anni con la popolazione di uccelli selvatici: i legislatori hanno recentemente imposto severe multe di 500 dollari a chi dà loro da mangiare e la città di Honolulu ha lanciato il proprio programma speciale di gestione dei polli nel 2016. Land and Natural Resources fornisce anche istruzioni specifiche su come catturare e uccidere gli uccelli se vagano per le case dei residenti.

Ma queste battaglie non stanno andando molto bene. L’Associated Press ha riferito che negli ultimi due mesi, la città e la contea di Honolulu hanno posizionato trappole in cinque aree e hanno catturato solo 67 polli, per un costo di 7.000 dollari. Ciò equivale a 104 dollari per uccello.

Hawaii, cittadini sotto scacco delle galline selvatiche

L’Associated Press afferma che catturare i polli è costoso perché le trappole vengono vandalizzate e rubate, anche se non è chiaro chi le stia danneggiando e perché. Ora, i funzionari della città stanno cercando di rispondere alle disperate richieste di aiuto del pubblico e allo stesso tempo di trovare una soluzione conveniente.

Il problema è così grave che un disegno di legge presentato nella legislatura statale delle Hawaii ha cercato di stabilire un programma finanziato dallo stato per affrontare i polli selvatici. Sfortunatamente per i residenti di Oahu afflitti dai polli, tuttavia, il disegno di legge 2195 del Senato non è riuscito ad avanzare.

Secondo alcune testimonianze, i polli “aggressivi” hanno «sopraffatto la comunità». I residenti affermano che danneggiano le proprietà, defecano ovunque, ostruiscono le strade, si piazzano sugli alberi di mango e da lì emettono forti «ridacchiamenti» dall’alba al tramonto.

«Molti di noi lavorano per lunghe ore, anche con i doppi turni, e non riuscire a dormire a causa del cinguettio e del canto dei galli e dei polli selvatici è stato davvero un onere e una difficoltà ingiusta», ha scritto Majid Joneidi, residente alle Hawaii.

«Dall’alba al tramonto, ogni giorno c’è un canto costante e lavoro da casa, quindi è difficile e talvolta imbarazzante se devo fare una chiamata perché sembra che sono in un cortile», ha testimoniato Desiree Garner, che sostiene il programma. «Non è mai stato così prima e non sono sicura di come siano arrivati in questa zona, se per cibo o altro».

Ma i polli non sono solo rumorosi e disordinati; sono distruttivi. Sharon Peine ha scritto che scavano cortili, servitù, aree di spalla e giardini, «persino foraggiando sotto muri e marciapiedi», danneggiando gravemente le infrastrutture locali. «Questo è folle e deve essere corretto!», ha sottolineato.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com