Home » Scambia l’elicottero della polizia per UFO e punta un raggio laser: 62enne arrestato
Curiosità

Scambia l’elicottero della polizia per UFO e punta un raggio laser: 62enne arrestato

Scambia l’elicottero della polizia per UFO e punta un raggio laser: 62enne arrestato. È successo qualche giorno fa a Cotswolds, un distretto del Gloucestershire, Inghilterra, Regno Unito. Qui un uomo di 62 anni è stato arrestato dopo aver puntato un raggio laser su un elicottero della polizia, che aveva scambiato per “una specie di astronave aliena”.

Così si è giustificato davanti al giudice in Tribunale, dove si è dichiarato non colpevole di aver abbagliato il pilota della polizia con il laser. I fatti risalgono al 13 novembre 2020 quando, secondo il 62enne, stava soffrendo di una condizione medica che lo rendeva deluso. Alla corte ha anche detto che usava la penna laser per giocare con i gatti fuori dal suo appartamento.

Come riporta il Daily Mail, il giudice ha definito il suo comportamento come “illogico, insensato e pericoloso”, ma lo ha assolto dall’accusa perché c’era “una chiara opinione medica secondo cui soffriva di un deterioramento cognitivo in quel momento. L’uomo ha detto di aver visto spesso aerei militari sorvolare il suo villaggio natale verso la base della RAF Fairford nelle Cotswolds, ma l’elicottero quella notte sembrava essere “qualcosa di fuori dall’ordinario”.

“Pensavo che quella nel cielo fosse una cosa strana. Non avevo mai visto nulla di simile prima. Potrei aver puntato il laser un certo numero di volte sull’elicottero, ma all’epoca non sapevo cosa fosse, stavo cercando di capirlo. Ho una forte affinità con gli oggetti volanti non identificati. Adesso mi sento imbarazzato a parlarne”.

Scambia l’elicottero della polizia per UFO: il malinteso

Secondo il procuratore l’elicottero del National Police Air Service era stato chiamato dalla polizia del Gloucestershire nell’area di Blockley nelle prime ore di quel venerdì mattina, 13 novembre 2020. La vista del pilota è stata influenzata dalla luce intensa. Quando l’elicottero si spostava di posizione, il raggio laser lo seguiva. L’equipaggio ha utilizzato un’attrezzatura fotografica di bordo per individuare la fonte del laser.

Il 62enne ha detto che non sapeva fosse un reato, si è scusato e ha consegnato la penna laser. Sostiene di essere stato svegliato da un rumore esterno e pensava che il veicolo nel cielo stesse per schiantarsi, quindi ha puntato il raggio laser per cercare di capire di cosa si trattasse. ”Avevo una penna laser e l’ho usata come una torcia per cercare di identificare il velivolo. Ho pensato che fosse un UFO a causa delle luci colorate che ne provenivano”.

La giuria ha tenuto conto del fatto che il figlio dell’uomo era morto all’età di 19 anni, poco prima dell’incidente del raggio laser. L’uomo era in cura da uno psichiatra. Gli è stata diagnosticata un’emocromatosi, che causa problemi cognitivi e avrebbe influenzato i suoi normali processi cognitivi. “Al momento dell’incidente il signor Wilsdon soffriva di un disturbo depressivo e stress post traumatico”, ha detto lo psichiatra alla corte.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Esasperato dalla moglie per le pulizie, evade dai domiciliari e si fa arrestare: “Riportatemi dentro”

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com