Home » Christillin: “Luxuria fece svenire mio marito con una frase. Agnelli? Voglio sfatare un mito. E sulla Juve…”
Gossip

Christillin: “Luxuria fece svenire mio marito con una frase. Agnelli? Voglio sfatare un mito. E sulla Juve…”

Christillin: “Luxuria fece svenire mio marito con una frase. Agnelli? Voglio sfatare un mito. E sulla Juve…”. Evelina Christillin su Luxuria, la Juve, gli Agnelli e non solo, la manager torinese, 66 anni, si racconta in una lunga intervista rilasciata a ‘Il Corriere della Sera’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

«Al Festival del Cinema Gay Vladimir Luxuria mi ha invitato sul palco annunciando: “Nomino Evelina trans ad honorem”. Risata oceanica, mio marito è svenuto. Io sono perfettina, sottotono e senza profili social; Vladimir è rutilante e dirompente. Al dibattito c’erano le drag queen Karma B, mentre io avevo invitato Antonio Cabrini e Mauro Berruto».

Discussioni serie o solo cazzeggio?
«Discussioni serie, sono paladina dell’inclusione. Si è parlato anche di calcio: quello maschile su certi temi è indietro e Cabrini ha spiegato che il problema è la violenza del pubblico. Nel mondo femminile è tutto più facile, anche se c’è stata la frase di Felice Belloli, ex presidente della Lega Nazionale Dilettanti: “Basta dare soldi a quelle quattro lesbiche”».

[…] Ci racconta sogni e speranze dell’Evelina bambina?
«Ero brava a scuola. Gianantonio Stella mi ha definito una “secchiona sabauda”, ma ero una secchiona che faceva copiare. La scuola è stata però condizionata dallo sci. Metà anno lo passavamo al Sestriere (c’era pure mia sorella) e quando nel 1970 sono entrata nella Nazionale B la cosa si è fatta spessa».

Christillin: “Luxuria fece svenire mio marito con una frase”

[…] Aver avuto Margherita Agnelli come compagna di scuola è stato un jolly?
«Macché, la conoscevo già da bambina».

[…] Ricordi da adolescente?
«Ho un buco tra i 14 e i 19 anni, età di feste, flirt, divertimenti. Ho poi iniziato l’università, ma nel 1978 Luca di Montezemolo mi ha coinvolto nella Fiat. Doveva essere uno stage, è durato 8 anni… Nel frattempo in Boita, che sta per bottega e che è sinonimo di Fiat, ho conosciuto Gabriele: era direttore finanziario. Ci siamo sposati ed è nata una figlia. L’università è andata a farsi benedire, l’avrei ripresa anni dopo».

Tema obbligato: gli Agnelli.
«Hanno rappresentato una seconda famiglia. Papà era un caro amico dell’Avvocato, da bambina giocavo a casa di Margherita e lo vedevo partire per lo stadio assieme ad Edoardo. Negli anni del terrorismo i figli sono andati via, ci siamo ritrovati quando entrambe le famiglie si sono trasferite sulla collina torinese. Era il mio periodo in Nazionale, l’Avvocato mi portava a sciare in elicottero: “Voglio vedere come va”, diceva a mio padre».

Si sente figlioccia di Gianni Agnelli?
«Tutto quello che ho fatto dopo è stato grazie a lui. La facilità nel rapportarmi col mondo deriva da Gianni e da Marella. La sabaudite è stata annacquata dall’aver imparato a comportarmi».

Christillin: “Luxuria mi nominò trans ad honorem”

[…] L’Avvocato era gossippato per questioni di donne. Tutto vero o leggenda?
«Qualcosa di vero c’è, ma Gianni Agnelli aveva un senso della famiglia fortissimo e ha fronteggiato disgrazie terrificanti, come quella di Edoardo. Poi, certo, era fascinoso. Aveva una dimensione planetaria, era un principe rinascimentale: a casa sua passava chiunque, da Kissinger, a Ted Kennedy, a Fidel Castro».

Gli Agnelli di adesso?
«Sono affezionata perché sono i figli di Margherita e li ho visti nascere. Però appartengono a un mondo diventato più liquido».

Si è laureata tardi, diceva.
«Sono stata travolta da Montezemolo, dalla Fiat, dal matrimonio, dalla maternità. Poi un brutto male mi ha bloccato per due anni. Quando mi sono licenziata, una cara amica, suor Giuliana del Cottolengo, mi ha spronato a riprendere gli studi, fermi a 5 esami. Mi ha aiutato con il duplicato del diploma di maturità classica, che non trovavo più, e ho scelto lettere con indirizzo storico. Tesi sui “poveri malati”, poi finita in un libro: occuparmi degli umili è il mio karma».

Qual è la migliore Evelina Christillin?
«Quella che sta nello sport. Sono figlia di genitori che volevano divertirsi, in casa nessuno leggeva libri o andava a teatro. Alla cultura mi sono avvicinata da autodidatta, ma lo sport me l’hanno inculcato: mi appassiono perfino per il tamburello».

Christillin: “Agnelli? Voglio sfatare un mito sull’avvocato”

[…] Ha «respirato» la nobiltà di suo marito, Gabriele Galateri di Genola?
«No, anche perché ha sempre lavorato tanto e ha trascurato la nobiltà. Tra l’altro pochi sanno come mi chiamo da sposata: io uso Christillin, che è un bel cognome da mucca valdostana».

Quanto è donna di casa?
«Risposta semplice: zero. E demando le “gite” al supermercato».

Per chi vota?
«Ho sempre votato per il centro-sinistra».

Ha un debole per Matteo Renzi, vero?
«Mi è simpatico, ma negli ultimi anni ha fatto scelte che non condivido. Comunque creerei un partito di governatori basato sul triumvirato Bonaccini-Zaia-Fedriga».

A Putin che cosa direbbe?
«Ho sciato con lui nel 2001, quando venne al Mondiale di St. Anton. Gli direi: pace. E lo ripeterei a Zelensky».

È giusto bloccare le squadre russe?
«Sì: sono rappresentative di Stato con cui si fa anche propaganda. Invece ho dubbi sull’esclusione dei singoli atleti, così come degli artisti».

Alexander Ceferin, presidente della «sua» Uefa, o Gianni Infantino, capo della Fifa dove lei rappresenta l’altro organismo?
«Volete farmi licenziare dalla Uefa o dalla Fifa?».

Ha votato contro la Juve, nella questione della Superlega. Perché bastonare i secessionisti?
«Per ora nessuno ha bastonato nessuno. Ne riparleremo dopo il verdetto della Corte del Lussemburgo».

Ma lei è juventina?
«Parecchio: la Juve è nel cuore e mi arrabbio se la insultano».

Però è stata bandita dallo «Stadium»…
«Non è così: per rispetto loro e della mia permanenza nella Uefa guardo le partite in Tv».

Nella sua collezione ideale che cosa mette?
«Colleziono solo gufi: ne ho 3000. E sulla scrivania che vedete ho un’enorme lampada-gufo» (foto: Museo egizio Instagram).

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com