Home » Scoperto il virus che uccide i tumori: già iniettato al primo paziente
Salute

Scoperto il virus che uccide i tumori: già iniettato al primo paziente

Scoperto il virus che uccide i tumori: già iniettato al primo paziente. Gli scienziati hanno iniettato nel primo paziente umano un nuovo “virus che uccide i tumori”. Il trattamento ha dimostrato di ridurre il cancro negli animali. Il virus, noto come Vaxinia, è stato geneticamente modificato per infettare, replicarsi e uccidere le cellule tumorali, risparmiando le cellule sane.

Test su animali hanno dimostrato che è in grado di ridurre le dimensioni dei tumori a colon, polmone, mammella, ovaie e pancreas. Mentre altre immunoterapie come gli inibitori sono state efficaci in alcuni tipi di cancro, i pazienti spesso hanno ricadute e alla fine smettono di rispondere, o sviluppano resistenza a questo tipo di trattamento.

Al contrario, secondo i ricercatori, Vaxinia può innescare il sistema immunitario del paziente e aumentare il livello di una proteina chiamata PD-L1 nei tumori. Un processo che rende l’immunoterapia più efficace contro il cancro. CF33-hNIS VAXINIA è un tipo di “virus oncolitico” presente in natura che è stato geneticamente modificato per combattere il cancro. È stato sviluppato da Imugene Limited, una società specializzata in nuove terapie che attivano il sistema immunitario contro il cancro.

CF33-hNIS VAXINIA, il virus che uccide i tumori

“La nostra ricerca precedente ha dimostrato che i virus oncolitici possono stimolare il sistema immunitario a rispondere e uccidere il cancro. Questo oltre a stimolare il sistema immunitario a essere più reattivo ad altre immunoterapie, inclusi gli inibitori del checkpoint. Ora è il momento di potenziare ulteriormente il potere dell’immunoterapia e crediamo che CF33-hNIS abbia il potenziale per migliorare i risultati per i nostri pazienti”, le parole di Daneng Li MD, ricercatore principale e assistente professore del Dipartimento di oncologia medica e ricerca terapeutica di City of Hope, riportate dal Daily Mail

Lo studio clinico, al momento in fase 1, mira a reclutare 100 pazienti oncologici con tumori solidi metastatici, o avanzati, in circa 10 siti di sperimentazione negli Stati Uniti e in Australia. Si prevede che durerà per circa 24 mesi.

I pazienti inizieranno ricevendo una dose bassa di Vaxinia, sia come iniezione direttamente nei tumori che per via endovenosa. Una volta dimostrata la sicurezza di Vaxina, alcuni partecipanti riceveranno anche un farmaco immunoterapico chiamato pembrolizumab, che migliora la capacità del sistema immunitario di combattere le cellule cancerose.

“È interessante notare che le stesse caratteristiche che alla fine rendono le cellule tumorali resistenti alla chemioterapia, o al trattamento con radiazioni, migliorano effettivamente il successo dei virus oncolitici, come CF33-hNIS. Speriamo di sfruttare la promessa della viralogia e dell’immunoterapia per il trattamento di un’ampia varietà di tumori mortali”, ha affermato Yuman Fong MD, il Sangiacomo Family Chair in Surgical Oncology, presso City of Hope e il sviluppatore chiave del virus geneticamente modificato.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Addio intervento di cataratta, scoperto farmaco che cura l’opacizzazione del cristallino

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com