Home » Bloccato nella Tesla in fiamme perché le maniglie non escono: medico muore carbonizzato
Cronaca

Bloccato nella Tesla in fiamme perché le maniglie non escono: medico muore carbonizzato

Bloccato nella Tesla in fiamme perché le maniglie non escono: medico muore carbonizzato. La tragedia si è consumata su South Flamingo Road nella contea di Broward, nello Stato americano della Florida. Qui il dottor Omar Awan, 48 anni, padre di cinque figli, è morto bruciato nella sua Tesla dopo essersi schiantato e l’auto è finita in fuamme. L’uomo, secondo una ricostruzione dei fatti, è rimasto bloccato nella sua Model S perché le maniglie elettroniche delle portiere dell’auto “non sono saltate fuori e i soccorritori non sono riusciti a entrare in tempo nel veicolo per salvarlo”.

I fatti risalgono a febbraio 2019, ma solo ora la vicenda è emersa dopo che la sua famiglia ha citato in giudizio l’azienda automobilistica di Elon Musk. Secondo i familiari della vittima, la morte, sopraggiunta a causa del fumo inalato, avrebbe potuto essere evitata se non fosse stato per le maniglie delle porte della Tesla.

I veicoli dell’azienda automobilistica hanno maniglie delle portiere speciali che si trovano a filo con la carrozzeria dell’auto. Si ritraggono nel veicolo mentre è in movimento, ma possono fuoriuscire quando si ferma per consentire alle persone di entrare. Dopo l’incidente, i primi soccorritori sulla scena sono stati confusi dalle maniglie delle portiere dell’auto, che non erano fuoriuscite, e non sono state in grado di entrare, ha riferito la NBC6.

Bloccato nella Tesla in fiamme perché le maniglie non escono: medico muore e la famiglia fa causa

Sul posto sono poi arrivati ​​i primi soccorritori, rimasti perplessi. Le Tesla dovrebbero avere due meccanismi di sicurezza di riserva. Il primo vede le maniglie delle porte aprirsi automaticamente in caso di incidente, a meno che non accada molto bruscamente. Una seconda opzione può consentire ai primi soccorritori di rompere il finestrino dell’auto e di aprire manualmente le porte utilizzando uno speciale meccanismo all’interno. Ma nessuno dei due è stato utilizzato, e la famiglia di Awan insiste sul fatto che l’auto, prodotta nel 2016, fosse difettosa.

Secondo il rapporto della polizia, Awan al momento dell’incidente, con la sua auto che andava a circa 130 chilometri all’ora. Tesla sostiene che l’auto funzionava perfettamente e che Awan sia stato responsabile della sua stessa morte. Ma la sua famiglia insiste sul fatto che avrebbe potuto essere salvato se non fosse stato per le maniglie, a loro avviso non funzionanti.

Va detto che, come sottolinea il Daily Mail, dopo l’incidente i primi soccorritori non sono stati in grado di aprire le portiere dell’auto in fiamme perché non riuscivano a trovare le maniglie. D’altra parte l’azienda di Musk dice che le maniglie sarebbero uscite automaticamente, a meno che l’alimentazione non viene interrotta “bruscamente” dal veicolo, come riporta la NBC South Florida. Tesla ha anche affermato che esiste un “backup meccanico a cui è possibile accedere solo dall’interno del veicolo” (Immagine da archivio).

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Freni della Tesla si bloccano in corsa: automobilista si schianta a 110 km/h – VIDEO

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com