Home » Due mojito e due chele di granchio 600 euro: scontrino shock per l’aperitivo sulla spiaggia
Curiosità

Due mojito e due chele di granchio 600 euro: scontrino shock per l’aperitivo sulla spiaggia

Due mojito e due chele di granchio 600 euro: scontrino shock per l’aperitivo sulla spiaggia. Due donne americane, mamma e figlia, sostengono di essere state truffate da un ristorante di Mykonos che ha addebitato loro circa 600 euro per due chele di granchio e due cocktail. È quanto accaduto a Brenda Moulton e sua figlia Kaylea di 19 anni. Le due stavano cercando di trascorrere una giornata idilliaca sulla paradisiaca spiaggia di Platys Gialos, ma qualcosa è andato storto.

Mamma e figlia si sono viste recapitare uno scontrino per due mojito e due chele di granchio 600 euro. Le due hanno consumato il cibo e le bevande sedute sulle sedie a sdraio del ristorante, dove sono rimaste per due ore. E quando hanno provato a rifiutarsi di pagare, i gestori del locale hanno minacciato di chiamare la polizia. “Vi terranno qui e non tornerete in patria. Possiamo facilmente trovare dove vivi”, avrebbero detto i proprietari secondo quanto riferito al sito di informazione greco THEMA.

Madre e figlia hanno quindi deciso di pagare l’importo. Uscite dal ristorante, hanno cominciato ad avvertire i clienti che stavano entrando sui prezzi scandalosamente alti e le presunte cattive pratiche commerciali, ma sono state nuovamente affrontate dal personale. “Il gestore è uscito furioso e si è avvicinato a noi in uno stato d’animo minaccioso. Ho subito alzato la voce. Gli ho urlato contro…”.

Due mojito e due chele di granchio 600 euro: lo scontrino shock

Le turiste americane hanno detto che una signora si è avvicinata e ha detto loro di aver visto una scena stranamente simile al ristorante il giorno prima e che la polizia era stata coinvolta. Brenda e Kaylea hanno detto di essere rimaste così scosse che due colleghi americani hanno dovute calmarle fino a quando non sono stati in grado di andarsene.

La pagina Tripadvisor del ristorante è invasa da recensioni eloquenti di clienti che hanno affermato di essere stati attirati con la stessa strategia: camerieri “ombrosi” eccessivamente insistenti che offrivano “lettini gratuiti”, descrizioni vaghe dei prezzi del menu e, in definitiva, conti astronomici.

Rispondendo a una recensione negativa sul sito web, il ristorante ha risposto: “Non c’è un paese libero nel mondo occidentale che ci costringerebbe a spiegare a ogni cliente perché addebitiamo come facciamo noi. Tuttavia, abbiamo spesso cercato di spiegare il grande costo di gestione di un’attività come la nostra. Chiederesti a Bugatti perché fanno pagare così tanto? Chiederesti a tutti i marchi di lusso di giustificare i loro prezzi? Puoi optare per prodotti e servizi più economici. Non è un monopolio”.

DK Oyster ha ampiamente negato le affermazioni secondo cui impiegano tattiche discutibili per attirare i clienti e che gli ospiti sono soggetti a intimidazioni se si lamentano dei prezzi elevati. Il ristorante ha anche affermato su Tripadvisor che i prezzi elevati sono spiegati dalla “materia prima di prima qualità e il nostro chef è stato scelto tra i migliori per completare il nostro concetto di un’esperienza che supera gli standard ordinari” (fonte).

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com