Home » Farmaco contro calvizie, scoperta molecola che fa ricrescere i capelli
Salute

Farmaco contro calvizie, scoperta molecola che fa ricrescere i capelli

Farmaco contro calvizie, scoperta molecola che fa ricrescere i capelli. Milioni di persone Calvenzano in tutto il mondo potrebbero vedere finalmente i loro capelli ricrescere. È quanto promette un farmaco realizzato dalla società farmaceutica statunitense Concert Pharmaceutical, che fa ricrescere i capelli in pochi mesi.

Si tratta di una pillola da assumere due volte al giorno che, grazie a uno studio, ha rilevato che quattro pazienti su 10 con la condizione sono stati in grado di far ricrescere quasi un’intera chioma entro sei mesi. Tuttavia, il principale scienziato dietro il farmaco non si aspetta che funzioni per tutti.

La nuova terapia agisce smorzando la risposta immunitaria, impedendole di andare in tilt. Al momento non ci sono cure per l’alopecia areata, sebbene anche altre aziende farmaceutiche stiano sperimentando farmaci per aiutare a invertire la caduta dei capelli. Tuttavia, steroidi e altri farmaci possono aiutare a dare il via alla crescita dei capelli.

A causa della velocità della caduta dei capelli, questa malattia può causare bassa autostima, depressione e ansia. L’ultimo studio di fase tre ha coinvolto 706 adulti con alopecia di età compresa tra i 18 e i 65 anni negli Stati Uniti, in Canada e in Europa per 24 settimane.

I pazienti sono stati divisi in tre gruppi, a cui è stato somministrato un placebo, una pillola da 8 mg due volte al giorno o una dose da 12 mg due volte al giorno. Entrambi i gruppi da 8 mg e 12 mg hanno visto una ricrescita statisticamente significativa maggiore rispetto al gruppo placebo, secondo i ricercatori.

Farmaco contro calvizie, scoperta la molecola che fa ricrescere i capelli

Un totale del 41,5% con la dose più forte ha visto più dell’80% dei propri capelli ricrescere entro la fine dello studio. Tra quelli nel gruppo 8mg, il 29,6% ha sperimentato lo stesso livello di ricrescita. Solo lo 0,8% del gruppo placebo ha visto una ricrescita in oltre l’80% del cuoio capelluto.

Gli effetti collaterali si sono verificati in meno del 5% dei pazienti, con le reazioni più comuni tra cui mal di testa, acne e infezioni. Il farmaco agisce inibendo un particolare enzima che viene attivato durante una risposta immunitaria, chiamato JAK1 e JAK2.

Questi enzimi costituiscono un gruppo chiamato janus chinasi e troppi di essi possono portare a risposte immunitarie infiammatorie che causano alopecia. Ma sopprimerli può anche portare a un’immunità più debole su tutta la linea, con conseguente aumento delle infezioni.

Concert Pharma prevede di richiedere l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il farmaco il prossimo anno dopo un secondo studio di Fase 3, che ripeterà lo studio su 517 partecipanti. L’approvazione dipenderà dai risultati positivi della seconda prova e potrebbe richiedere fino a 10 mesi.

Farmaco contro calvizie: la scoperta

Il dottor James Casella, chief developmental officer di Concert Pharmaceuticals, ha dichiarato: “Con questi dati convincenti di Fase 3, riteniamo che il CTP-543 abbia il potenziale per essere il miglior trattamento della categoria per i pazienti con alopecia areata. Siamo estremamente grati ai pazienti e ai team di professionisti della ricerca clinica che partecipano ai nostri studi. Stiamo lavorando per cambiare il panorama del trattamento e speriamo che CTP-543 sia una delle prime opzioni di trattamento approvate dalla FDA per questa grave malattia”.

L’alopecia areata non ha attualmente alcuna cura e i medici non possono prevedere quanti capelli rischiano di perdere una volta che piccole macchie iniziano a cadere. Se i capelli ricrescono, possono volerci mesi o anni e di solito iniziano come peli bianchi radi che possono eventualmente ispessirsi e riprendere il loro colore.

La ricrescita è meno probabile se tutti i capelli di qualcuno cadono. Le attuali opzioni di trattamento includono iniezioni di corticosteroidi, che sono potenti farmaci antinfiammatori in grado di sopprimere il sistema immunitario. Questi possono funzionare fino al 62% dei pazienti, ma aumentano anche il rischio di atrofia cutanea – un assottigliamento della pelle – suscitando interesse per nuovi farmaci.

Il dottor Brett King, dermatologo della Yale University School of Medicine che ha condotto lo studio, ha dichiarato: “Oggi segna un’importante pietra miliare nel promuovere nuovi trattamenti per l’alopecia areata e sono così felice di vedere risultati così positivi dal primo studio di fase 3 con CTP-543.

“C’è un grande bisogno di trattamenti per questa malattia difficile e i risultati dello studio THRIVE-AA1 suggeriscono che CTP-543 potrebbe potenzialmente fornire una terapia importante per il trattamento dell’alopecia areata”. Lo riporta il Daily Mail.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Cura per calvizie, scoperto cosa c’è dietro la perdita di capelli: la svolta

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com