Home » Autolesionismo e pensieri suicidi, 19enne fa causa a Instagram: “Uso avvincente dall’età di 11 anni”
Cronaca World

Autolesionismo e pensieri suicidi, 19enne fa causa a Instagram: “Uso avvincente dall’età di 11 anni”

Autolesionismo e pensieri suicidi, 19enne fa causa a Instagram: “Uso avvincente dall’età di 11 anni”. Una ragazza 19enne fa causa a Meta per aver alimentato l’uso “avvincente” di Instagram da quando aveva 11 anni. Un uso che le ha portato a sviluppare un disturbo alimentare, autolesionismo e pensieri suicidi.

La giovane e la sua famiglia hanno citato in giudizio il gigante dei social media, sostenendo di aver creato consapevolmente caratteristiche di “dipendenza” che le hanno fatto sviluppare un disturbo alimentare e sentimenti suicidi in giovane età.

La prima causa nel suo genere, presentata lunedì presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto settentrionale della California, si basa fortemente su una raccolta di documenti interni trapelati da Meta che hanno rivelato come il gigante della tecnologia sapesse che Instagram fosse dannoso per la salute mentale delle ragazze.

A riportare la notizia è DailyMail.com, secondo cui la causa è stata intentata dal Social Media Victims Law Center, un gruppo con sede a Seattle che difende le famiglie degli adolescenti danneggiati online, per conto della 19enne Alexis Spence. La ragazza ha creato il suo primo account Instagram all’età di 11 anni senza il consenso dei suoi genitori e in violazione del requisito minimo di età della piattaforma di 13 anni.

Sostiene che l’intelligenza artificiale di Instagram l’ha guidata verso account che glorificavano l’anoressia e l’autolesionismo, mentre la piattaforma ha anche implementato nuove funzionalità progettate per rendere l’app più avvincente.

Spence è stata ricoverata in ospedale per depressione, ansia e anoressia, sostengono gli avvocati, e “lotta per rimanere in recupero ogni giorno” a causa del “contenuto dannoso e delle funzionalità che Instagram le ha incessantemente promosso e fornito”.

Secondo i legali “Alexis era una bambina sicura di sé e felice, che amava leggere, scrivere e aiutare le persone e gli animali. Sognava di diventare una veterinaria.

Usa, 19enne fa causa a Instagram: “Uso avvincente dall’età di 11 anni”

Era attiva in concorsi di canto, teatro e le piaceva stare sotto i riflettori, cercando opportunità per brillare”. Poi ha ricevuto il suo primo tablet abilitato a Internet per Natale nel 2012 quando aveva 10 anni.  A quel tempo, utilizzava il dispositivo principalmente per giocare con Webkinz, animali di peluche forniti con un codice per giocare online e realizzare video Webkinz.

Ma quando è entrata in quinta elementare, sostiene l’accusa, ha iniziato a essere presa in giro dai suoi amici per non avere un Instagram, e “i suoi amici le hanno detto che doveva aprire un account e che poteva aprirne uno anche se i suoi genitori le dicevano no”.

Così nel 2013, all’età di 11 anni, Alexis ha aperto il suo primo account Instagram. A novembre avrebbe iniziato a mostrare segni di depressione e i suoi genitori hanno cercato un trattamento di salute mentale, ma non sapevano che fosse sui social media in quel momento.

Alexis aveva visto contenuti di altri utenti che spiegavano come ottenere il passcode dei tuoi genitori per disabilitare i blocchi e le applicazioni. L’app che ha utilizzato ha fatto sembrare l’icona di Instagram una calcolatrice, che ha spostato accanto ad altre applicazioni di utilità.

Solo quattro mesi dopo, dice la causa, ha disegnato un’immagine di se stessa che piangeva sul pavimento accanto al suo telefono con parole come “stupida, brutta, grassa” che emanavano dallo schermo e “ucciditi” in un fumetto. Alla fine, si dice, i suoi genitori hanno scoperto che era sui social media, ma a quel punto aveva già più di 13 anni e aveva rivelato di avere un solo account.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Litiga col fidanzato e lo investe: la lite shock ripresa dalle telecamere

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com