Home » Arriva il test per l’Alzheimer: rileva malattia iniziale con una precisione de 98%
Salute

Arriva il test per l’Alzheimer: rileva malattia iniziale con una precisione de 98%

Arriva il test per l’Alzheimer: rileva malattia iniziale con una precisione de 98%. Una semplice scansione cerebrale può rilevare l’Alzheimer allo stadio iniziale con una precisione fino al 98% e fornire risultati in giornata. È il risultato di uno studio che potrebbe rappresentare una svolta. I ricercatori hanno sviluppato un algoritmo in grado di diagnosticare la condizione con una precisione fino al 98%.

Il test, che uscirà entro il 2025, è un programma per computer che utilizza la tecnologia MRI standard. Si trova nella maggior parte degli ospedali e può produrre un risultato in 12 ore. Attualmente possono essere necessari mesi per diagnosticare la malattia e richiede una serie di test di memoria e cognitivi, nonché scansioni.

I ricercatori dell’Imperial College London, sviluppatori dell’algoritmo, lo hanno testato su più di 400 persone, sperano che venga implementato sul servizio sanitario nazionale britannico. La tecnologia funziona cercando anomalie in 115 regioni del cervello, analizzando caratteristiche come dimensioni, forma e consistenza. Potrebbe aiutare gli esperti a capire esattamente cosa causa la condizione di furto della memoria.

Arriva il test per l’Alzheimer: lo studio inglese

In precedenza è stato utilizzato per scansionare i tumori di donne con cancro ovarico. Ne ha parlato il professor Eric Aboagye dell’Imperial, che ha guidato lo studio. “Attualmente nessun altro metodo semplice e ampiamente disponibile può prevedere il morbo di Alzheimer con questo livello di accuratezza, quindi la nostra ricerca rappresenta un importante passo avanti. Aspettare una diagnosi può essere un’esperienza orribile per i pazienti e le loro famiglie.

Se potessimo ridurre la quantità di tempo che devono aspettare, rendere la diagnosi un processo più semplice e ridurre parte dell’incertezza, ciò sarebbe di grande aiuto. Se tutto è andato bene, speriamo che questo possa essere disponibile sul sistema sanitario in due o tre anni”, le sue parole riportate dal Daily Mail.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Vaccino Alzheimer, in arrivo il siero che ripristina la memoria

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com