Home » Umberto Tozzi: “Musica di oggi senza originalità, salvo solo 2 eccezioni. Stavo per diventare calciatore, lo devo a mio padre”
Spettacolo

Umberto Tozzi: “Musica di oggi senza originalità, salvo solo 2 eccezioni. Stavo per diventare calciatore, lo devo a mio padre”

Umberto Tozzi: “Musica di oggi senza originalità, salvo solo 2 eccezioni. Stavo per diventare calciatore, lo devo a mio padre”. Umberto Tozzi sulla musica di oggi e non solo, il cantante torinese, 70 anni, si racconta ripercorrendo le tappe più significative della sua carriera una intervista a ‘Tv Sorrisi e Canzoni’.

Sarà impegnato d’estate e d’inverno, in Italia e all’estero. Ma quanta energia, Umberto…
«Sì, c’è tanto entusiasmo. Ma io, per come ho vissuto la mia vita, me ne sento il doppio (sorride). E sono anche fortunato perché non avrei mai pensato di mettere in piedi un repertorio che potesse essere cantato 40 anni dopo. Ho assorbito molto i Beatles, ecco perché per molti miei brani ho adoperato metriche musicali molto vicine alla cultura inglese. ¬E non mi stanco mai di cantarli».

“Gloria” è stata utilizzata come colonna sonora in film come “Flashdance”, “The wolf of Wall Street”, “Tonya”, “Gloria Bell”… E pensare che, all’inizio, dicevano che lei faceva solo canzonette…
«Come artista sono nato negli anni in cui venivi preso in considerazione nella musica soltanto se eri Fabrizio De André o Francesco De Gregori, e se non riuscivi a sfondare quel muro eri tagliato fuori. A quell’epoca i critici, ogni anno, prendevano di mira un artista e lo distruggevano. Per un po’ mi ha dato fastidio, ma da un certo punto in poi me ne sono fregato perché a 26 anni ero il numero uno in Europa».

E meno male che non ha fatto il calciatore, che era il suo sogno. Altrimenti avrebbe dovuto smettere di lavorare molto prima…
«(Sorride). È vero e devo ringraziare mio padre che mi proibì di andare a Coverciano dove ero stato convocato per poter essere valutato da tecnici e allenatori. Per ribellione, e per non assecondare le sue richieste, cominciai a suonare».

Umberto Tozzi: “Musica di oggi senza originalità”

[…] “Gloria”, “Ti amo”, “Tu”, sono canzoni rimaste in classifica per mesi e ancora oggi vengono cantate. I brani di oggi durano poco in testa. Perché?
«Oggi non c’è originalità vocale né creativa. Ai miei tempi uscivi con un singolo o con un album solo se avevi personalità, altrimenti nemmeno te lo facevano registrare. Oggi non canta più nessuno. Parlano… Sinceramente non mi emoziono per quello che sento. Unica eccezione, quando ascolto i Coldplay o Sting. Anche i Måneskin si vestono molto bene, ma canzoni forti io non ne ho sentite, per quello che è il mio gusto. Mi auguro che riescano a scrivere pezzi in grado di lasciare il segno. Il genere che propongono io lo facevo a 16 anni. Hanno talento, sono bei ragazzi, ma devono continuare a dimostrare il loro valore».

Lei ha creato il cosiddetto “tappeto sonoro” sovrapponendo le voci, una tecnica che è stata ripresa da molti artisti italiani. Glielo riconoscono?
«No, nessuno, ma non me ne frega niente. Il mio scopo è emozionare chi mi ascolta. A me piace solo cantare, tutto il resto è noia».

[…] Lei vive a Monte Carlo da trent’anni. Perché proprio lì?
«Io e Monica abitavamo a Roma e quando Gianluca aveva 6 anni e Natasha 3 abbiamo deciso di trasferirci a Monte Carlo. Avevo lavorato in questa città e ce ne eravamo innamorati. Ora non vivrei mai in una metropoli, perché soffocherei».

Avrà accumulato una fortuna… Che ricordi ha di quell’Umberto che, a inizio carriera, aveva pochi soldi?
«A casa mia il filetto non esisteva: l’ho scoperto solo a 18 anni nei ristoranti dove mangiavo con i primi soldi che guadagnavo suonando. Pur non avendo una lira, non ho mai provato invidia nei riguardi di quegli amici che avevano belle case e macchinoni. L’invidia è un sentimento inutile. Non diventi grande soltanto grazie ai soldi e al potere».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com