Home » Invertire riscaldamento globale rigelando i poli si può: “Fattibile ed economico”
Ambiente News World

Invertire riscaldamento globale rigelando i poli si può: “Fattibile ed economico”

Invertire riscaldamento globale rigelando i poli si può: “Fattibile ed economico”. Uno studio dell’Università di Yale, guidato da Wake Smith, propone una soluzione per il riscaldamento totale. Stando ai risultati, pubblicati su Environmental Research Communications, si potrebbero ricongelare i poli nord e sud per invertire lo scioglimento del ghiaccio. Secondo i ricercatori, gli aerei ad alta quota potrebbero spruzzare microscopiche particelle di aerosol nell’atmosfera a latitudini di 60 gradi nord e sud.

Se rilasciati a un’altezza superiore ai 13mila chilometri, questi aerosol andrebbero lentamente alla deriva verso i poli, ombreggiando leggermente la superficie sottostante. Questa ombra consentirebbe ai poli in scioglimento di ricongelarsi, alleviando i problemi dello scioglimento del ghiaccio glaciale e dell’innalzamento del livello del mare.

La tecnica “abbatterebbe il cambiamento climatico deviando nello spazio una piccola frazione della radiazione solare in arrivo”, affermano gli scienziati. Il concetto, chiamato iniezione di aerosol stratosferico (SAI), costerebbe ‘solo’ 11 miliardi di dollari all’anno, ma i ricercatori affermano che la somma sia ben spesa se consideriamo i danni provocati da alluvioni e tornado.

Per i ricercatori di Yale il concetto è controverso ma “fattibile” e gli 11 miliardi di dollari all’anno sono “straordinariamente economici” rispetto ad altre risposte climatiche come la cattura del carbonio. Il raffreddamento ai poli fornirebbe una protezione diretta solo per una piccola frazione del pianeta, anche se le medie latitudini dovrebbero subire ugualmente una certa riduzione della temperatura.

“C’è una trepidazione diffusa e sensata circa l’impiego di aerosol per raffreddare il pianeta. Ma se l’equazione rischio/beneficio dovesse dare i suoi frutti, sarebbe ai poli”, ha affermato Smith, docente a Yale.

Invertire riscaldamento globale rigelando i poli si può: lo studio

“Tuttavia, qualsiasi rotazione intenzionale del termostato globale sarebbe di interesse comune per tutta l’umanità e non solo per la provincia delle nazioni artiche e della Patagonia”, ha affermato Smith. Secondo Smith e colleghi, le iniezioni di particelle dai getti sarebbero eseguite stagionalmente nelle lunghe giornate della primavera locale e dell’inizio dell’estate.

Le coperte di aerosol si estenderebbero di 60 gradi a nord e a sud, all’incirca all’altezza di Anchorage in Alaska e della punta meridionale della Patagonia. I preesistenti aerei militari per il rifornimento in volo come il vecchio KC-135 e l’A330 MMRT non hanno un carico utile sufficiente alle altitudini richieste. Tuttavia, le navi cisterna ad alta quota di nuova concezione, inclusa quella menzionata nello studio chiamato SAIL-43K, si sarebbero rivelate più efficienti, afferma il team. Una flotta di circa 125 navi cisterna di questo tipo potrebbe caricare un carico utile sufficiente a raffreddare i poli di 2°C (3,6°F) all’anno, il che li riporterebbe vicino alle temperature medie preindustriali.

Secondo gli esperti, i costi di 11 miliardi di dollari all’anno sono meno di un terzo del costo del raffreddamento dell’intero pianeta della stessa magnitudo di 3,6°F e una piccola frazione del costo per raggiungere le emissioni nette zero. Tuttavia, il piano non è privo di inconvenienti. L’aerosol sarebbe costituito da anidride solforosa, che ad alti livelli può causare nausea, vomito, mal di stomaco e danni corrosivi alle vie aeree e ai polmoni. Questo però colpirebbe meno dell’1% della popolazione umana mondiale che vive in quelle zone.

Smith ha anche riconosciuto che l’idea non risolve le cause alla base del cambiamento climatico, ma sarebbe piuttosto una sorta di cerotto per la Terra. “Anche se questo potrebbe cambiare in un mondo in rapido riscaldamento, le iniezioni di aerosol stratosferico trattano semplicemente un sintomo del cambiamento climatico ma non la malattia sottostante”, le parole di Smith riportate dal Daily Mail.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com