Home » Scoperto il cibo più odiato dai bimbi nell’utero: ecografie 4D rivelano sorrisi e smorfie
Salute

Scoperto il cibo più odiato dai bimbi nell’utero: ecografie 4D rivelano sorrisi e smorfie

Scoperto il cibo più odiato dai bimbi nell’utero: ecografie 4D rivelano sorrisi e smorfie. I ricercatori dell’Università di Durham hanno eseguito scansioni a ultrasuoni 4D di 100 donne incinte per vedere come rispondevano i loro bambini, non ancora nati, dopo essere stati esposti ai sapori degli alimenti mangiati dalle loro madri.

I risultati hanno mostrato come i feti sorridessero poco dopo che le loro madri avevano mangiato una carota, mentre mostravano una smorfia quando la mamma miangiaca un cavolo. I risultati suggeriscono che ciò che mangiano le donne incinte potrebbe influenzare le preferenze di gusto dei loro bambini dopo la nascita.

Mentre l’idea di un’insalata farà formicolare le papille gustative di alcune persone, per altri, mangiare verdure non è proprio il massimo. Questo studio ha dimostrato che i bambini iniziano a rispondere a sapori diversi mentre sono ancora nel grembo materno. I risultati potrebbero aprire la strada ad abitudini alimentari sane.

Precedenti studi hanno suggerito che i bambini possono sentire l’odore nel grembo materno attraverso l’inalazione e la deglutizione del liquido amniotico. Tuttavia, questi studi si sono basati sugli esiti post-nascita. I ricercatori in questo cado hanno invece scoperto che i bambini possono sentire il sapore nell’utero, valutando le reazioni ai sapori prima della nascita.

Scoperto il cibo più odiato dai bimbi nell’utero: lo studio

Il team ha arruolato 100 donne in gravidanza di età compresa tra 18 e 40 anni ed ha eseguito ecografie 4D sia a 32 settimane che a 36 settimane. Alle donne è stata somministrata una singola capsula 20 minuti prima di ogni scansione contenente 400 mg di carota, o 400 mg di polvere di cavolo nero. Quindi è stato chiesto loro di non consumare altri alimenti o bevande aromatizzate che potessero influenzare le reazioni dei bambini.

I risultati hanno rivelato che bastava una piccola quantità di aroma di carota o cavolo riccio per stimolare una reazione nei feti. Quando le donne consumavano la carota, i feti tendevano a sorridere alla scansione, ma quando consumavano la capsula di cavolo nero, i feti tendevano a fare una smorfia. “È stato davvero sorprendente vedere la reazione dei bambini non ancora nati al sapore di cavolo o carota durante le scansioni e condividere quei momenti con i loro genitori”, ha affermato l’autrice principale Beyza Ustun.

Come riporta il Daily Mail, i risultati suggeriscono che una serie di stimoli chimici passa attraverso la dieta materna nell’ambiente fetale, secondo il professor Benoist Schaal dell’Università della Borgogna, coautore dello studio. “Ciò potrebbe avere importanti implicazioni per la nostra comprensione dello sviluppo dei nostri recettori del gusto e dell’olfatto e della relativa percezione e memoria”, ha affermato.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Dichiarato morto alla nascita, neonato si risveglia durante la sua sepoltura: “È un miracolo”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com