Home » I bambini che giocano ai videogiochi sono più intelligenti dei loro coetanei: lo studio
Salute Tecnologia

I bambini che giocano ai videogiochi sono più intelligenti dei loro coetanei: lo studio

I bambini che giocano ai videogiochi sono più intelligenti dei loro coetanei: lo studio. I genitori spesso li considerano una perdita di tempo, ma giocare ai videogiochi può effettivamente aumentare l’intelligenza dei bambini. Secondo un nuovo studio, i ragazzi che giocano per tre o più ore al giorno in media hanno ottenuto risultati migliori nei test cognitivi e di memoria rispetto ai loro coetanei. Il gioco è stato a lungo associato a violenza, comportamenti antisociali e problemi di salute nei giovani.

Ma i ricercatori hanno scoperto che potrebbe effettivamente essere utile per lo sviluppo del cervello dei bambini. I ricercatori hanno scansionato il cervello dei ragazzi mentre eseguivano una serie di test, testavando il loro tempo di reazione, la risoluzione dei problemi e la memoria.

Non solo i bambini hanno ottenuto punteggi migliori, ma hanno anche avuto più attività nelle regioni del cervello responsabili di ciascuna funzione. La dott.ssa Nora Volkow, direttrice del National Institute on Drug Abuse (NIDA), che ha finanziato lo studio, ha dichiarato: “Numerosi studi hanno collegato i videogiochi al comportamento e ai problemi di salute mentale. Questo studio suggerisce che potrebbero esserci anche benefici cognitivi associati a questo passatempo popolare, che meritano di essere approfonditi”.

Nello studio, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open e ripreso dal Daily Mail, gli scienziati dell’Università del Vermont hanno analizzato i dati di 2.078 bambini americani tra ottobre 2019 e ottobre 2020.

I test effettuati

Ai bambini è stato chiesto quanto tempo passavano ogni giorno a giocare ai videogiochi, quindi sono stati divisi in due gruppi. In totale, 1.278 hanno dichiarato di non aver mai giocato ai videogiochi, mentre 800 hanno riferito di averli usati per almeno tre ore al giorno. Per fare un confronto, l’American Association of Pediatrics (AAP) afferma che i bambini non dovrebbero giocare per più di due ore al giorno.

Ogni bambino è stato sottoposto a una risonanza magnetica funzionale per misurare la loro attività cerebrale. Nella scansione, i partecipanti giacevano a faccia in su in un lungo tubolare indossando un paio di occhiali digitali simili a un visore VR. Quindi hanno completato due test, che sono stati mostrati loro usando gli occhiali.

Nella prima, nota come attività di segnale di arresto, i partecipanti hanno osservato le frecce che puntavano a sinistra o a destra, premendo un pulsante corrispondente quando ogni volta che le vedevano. È stato anche detto loro di non premere nulla quando veniva mostrata una freccia che puntava verso l’alto. Nel secondo, noto come test “n-back”, ai bambini è stato chiesto di memorizzare un’immagine di un edificio e quindi di premere un pulsante quando vedevano una corrispondenza per esso in un flusso di carte che gli venivano mostrate.

Nel test della freccia i tempi di risposta erano significativamente più rapidi tra i giocatori rispetto ai non giocatori. Le scansioni hanno mostrato che i bambini che giocavano ai videogiochi avevano in media più attività nella regione precuneus del cervello, associata all’attenzione e alla memoria. I ricercatori hanno affermato che giocare ai videogame può migliorare l’attenzione e il controllo degli impulsi perché i giochi richiedono la pratica di queste abilità.

I bambini che giocano ai videogiochi sono più intelligenti? Lo studio

Il dottor Bader Chaarani, psichiatra della Vermont University che ha condotto lo studio, ha dichiarato: “Molti genitori oggi sono preoccupati per l’effetto dei videogiochi sulla salute e sullo sviluppo dei loro figli. Poiché questi giochi continuano a proliferare tra i giovani, è fondamentale comprendere meglio sia l’impatto positivo che negativo che tali giochi possono avere”.

Ha aggiunto: “Anche se non possiamo dire se giocare regolarmente ai videogiochi abbia causato prestazioni neuro-cognitive superiori, è una scoperta incoraggiante e dobbiamo continuare a indagare su questi bambini mentre passano all’adolescenza e all’età adulta”.

Lo studio è di osservazione, quindi non può dimostrare se l’intelligenza migliorata sia dovuta ai videogiochi o a un altro fattore. Inoltre, i giochi non sono stati suddivisi per categorie, come azione o strategia, o se fossero single player o multiplayer, il che potrebbe influire sui risultati. I bambini sono stati reclutati per lo studio dall’Adolescent Brain Cognitive Development study (ABCD), che sta monitorando i bambini per studiare gli impatti sullo sviluppo del cervello.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Troppo tempo davanti allo schermo, non solo problemi agli occhi: scoperto legame pericoloso

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com