Home » Partita di golf finisce nel sangue: 51enne strappa il naso a morsi al compagno di gioco
Cronaca

Partita di golf finisce nel sangue: 51enne strappa il naso a morsi al compagno di gioco

Partita di golf finisce nel sangue: golfista strappa il naso a morsi al compagno di gioco. È successo intorno alle 21.30 (ora locale) dello scorso lunedì, 28 novembre, nel parcheggio di uno dei casinò di Bay St. Louis, nello stato americano del Mississippi. Qui una partita di golf è finita in rissa con tanto di ferito. Un uomo di 51 anni, stanco di insulti e sfotto, ha aggredito il compagno di gioco strappandogli il naso a morsi.

Sul posto è dovuta intervenire la polizia, allertata per una rissa tra due persone. Una volta arrivati sul campo da gokf, gli agenti si sono trovati di fronte una scena surreale: un uomo disteso a terra col volto sfigurato e sanguinante. E soprattutto con un ‘pezzo’ mancante. Il naso gli era stato strappato a morsi poco prima, al culmine di una scazzottata con un altro giocatore. Sul posto sono intervenuti anche i sanitari del servizio di emergenza che hsnno trasportato la vittima in ospedale. Del suo naso, secondo il rapporto degli agenti, non c’è più traccia.

Partita di golf finisce nel sangue: 51enne strappa il naso a morsi al compagno

Gli agenti non hanno impiegato molto per ricostruire movente e dinamica dell’aggressione: aggressore e vittima stavano litigando per il golf. Al mattino infatti i due avevano giocato insieme sul percorso del Bridges Golf Club ma qualcosa accaduto in campo aveva fatto perdere la sintonia tra i due che in poco tempo sono passati dall’essere compagni di gioco ad acerrimi nemici. Il diverbio nato sul prato ha dato via alla lite andata avanti per tutto il giorno e degenerata in violenza in serata.

Dopo l’aggressione il 51enne ha fatto perdere le sue tracce a bordo di una Tesla blu, poi ci ha ripensato e si è costituito. Per lui un’accusa di mutilazione e mezz’ora dietro le sbarre (dalle 23.46 alle 00.22, come c’è scritto nel rapporto) nella prigione di Hankock. Poi il 51enne ha pagato una cauzione di cinquemila dollari ed è uscito. L’uomo rischia fino a sette anni di carcere per un reato ritenuto intenzionale. Inoltre, la vittima potrebbe fargli causa e chiedere un risarcimento milionario.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Bin Laden, il figlio Omar: “Mio padre restava armi sui miei cani. Sono andato via da lui per un motivo”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com