Home » Covid, scoperti i due posti del supermercato dove il virus rimane più a lungo
Salute

Covid, scoperti i due posti del supermercato dove il virus rimane più a lungo

Covid, scoperti i due posti del supermercato dove il virus rimane più a lungo. Secondo un’indagine sperimentale della Food Standards Agency britannica, il Sars-cov-2 può rimanere anche giorni su alimenti freschi e confezioni (bottiglie, lattine, cartoni e altri tipi di involucro) presenti al supermercato. Anche se, come è noto, il principale modo di essere contagiati resta quello respiratorio, soprattutto attraverso l’inalazione di particelle virali.

Anche il virus depositato sugli alimenti per starnuti o colpi di tosse potrebbe teoricamente divenire un veicolo di infezione, spiegano i ricercatori. Nella indagine, riportata online su BBC Health, gli esperti hanno scelto di contaminare articoli che possono essere mangiati senza cucinarli e che alcuni consumatori erroneamente consumano senza lavare (ad esempio la frutta).

Gli alimenti e le confezioni presi in considerazione nell’ambito di questo studio, sono stati inoculati artificialmente con la Sars-Cov-2 e quindi non riflettono i livelli di contaminazione riscontrati su questi alimenti al dettaglio. Inoltre, livelli di contaminazione più bassi richiederanno meno tempo per non essere più rilevabili sull’alimento contaminato“, si legge nell’articolo pubblicato dal team di ricerca.

Covid, i due posti del supermercato dove il virus rimane più a lungo

Per la maggior parte dei prodotti alimentari testati, si è registrato un “calo significativo” dei livelli di virus nelle prime 24 ore dopo la contaminazione. Ma in alcuni casi le tracce sono rimaste per circa una settimana, ha rilevato il team di ricercatori dell’Università di Southampton.

Per un agente altamente infettivo come il Sars-Cov-2, che può essere trasmesso toccando superfici contaminate, e poi il viso, questi risultati sono estremamente degni di nota”, affermano. Ma non è necessario che gli acquirenti prendano ulteriori precauzioni quando maneggiano gli alimenti, se non quella di lavarsi le mani prima di prepararli e mangiarli. Oltre a sciacquare i prodotti freschi per rimuovere eventuali contaminazioni in superficie.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Coronavirus nell’aria e sulle superfici: lo studio sui tempi di resistenza del virus

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com