Home » Giappone, psicosi guerra nucleare: cittadini con rifugio anti atomico in casa – VIDEO
Curiosità World

Giappone, psicosi guerra nucleare: cittadini con rifugio anti atomico in casa – VIDEO

Giappone, psicosi guerra nucleare: cittadini con rifugio anti atomico in casa. Tutto nasce qualche mese fa, in particolare lo scorso ottobre, quando la Corea del Nord ha lanciato un missile sul Giappone, facendo scattare l’allarme di emergenza sulle reti cellulari. Megumi Morohoshi, una madre giapponese, a quel punto ha preso una decisione: comprare un rifugio antiatomico. La donna, 40 anni, era preoccupata per il pericolo sempre presente dei terremoti in Giappone e voleva proteggere i suoi tre figli piccoli.

Ma l’invasione dell’Ucraina, seguita da una raffica di missili nordcoreani, l’ha convinta che la minaccia non arrivava solo dalla Natura, ma anche dall’uomo. Ed era urgente. «Quando è scattato l’allarme, è stato davvero spaventoso. Avevo sempre desiderato una stanza come questa, ma poi a ottobre ho deciso che dovevo affrettarmi a comprarla», ha detto Morohoshi, seduta sul pavimento dello stretto box in acciaio massiccio che occupa il posto auto della sua casa.

All’ombra delle tensioni politiche, la famiglia Morohoshi si è unita al piccolo ma crescente numero di giapponesi preoccupati dalla questione sicurezza. Alcuni si sono rivolti a Nao Engineering, che vende i suoi rifugi Crisis-1 dal dicembre 2021, ma ha visto un’impennata di richieste dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia a febbraio.

Anche dopo più di 70 anni, in Giappone persiste il ricordo degli intensi bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, comprese le uniche detonazioni atomiche. Lo spettro nucleare si è riaffacciato di recente, dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha minacciato di usare “tutti i mezzi” per difendere la sua nazione.

In Asia, persistono i timori che la Cina possa tentare di impadronirsi dell’isola autogovernata di Taiwan, che rivendica come propria. La minaccia più attiva dell’anno per l’arcipelago giapponese è stata la Corea del Nord, che ha lanciato decine di missili e si starebbe preparando al suo primo test nucleare dal 2017. Lo scorso ottobre uno dei missili ha sorvolato il Giappone per la prima volta in cinque anni. Il mese successivo un missile balistico intercontinentale (ICBM) è atterrato a soli 200 km dalla costa nord-occidentale.

Giappone, psicosi guerra nucleare

I rifugi di Nao, delle dimensioni di un grande armadio a muro, sono fatti di ferro, con un rivestimento in piombo per resistere a tutto tranne che a un colpo diretto di un missile o di un’esplosione nucleare. Mentre un sistema di filtraggio di fabbricazione israeliana terrà fuori le radiazioni o i gas pericolosi. Ma questa protezione ha un prezzo.

I rifugi, costruiti su misura nella fabbrica di Nao nella prefettura di Ibaraki, a nord di Tokyo, costano 6 milioni di yen (44.000 dollari) senza spese di installazione. E le “scatole” da tre tonnellate sono troppo ingombranti per entrare nella maggior parte delle case o dei cortili giapponesi.

L’amministratore delegato di Nao, Yoshimitsu Koyano, ritiene che il Giappone non sia affatto preparato al rischio di bombardamento. La sua azienda ha ricevuto ordini per nove rifugi, “circa la metà da privati e il resto da agenzie, da utilizzare per scopi espositivi”, ha aggiunto.

In assenza di un’apocalisse, il Crisis-1 può essere utilizzato come sala hobby, area di studio per bambini o ufficio domestico. L’unità di Morohoshi, consegnata alla fine del mese scorso, è un’austera scatola bianca con la scritta “CRISIS-01” sul lato, su cui sono montate telecamere esterne.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Bunker fortificati a prova di apocalisse: ecco i super rifugi sotto le residenze dei ricchi

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com