Home » Leucemia, da una nuova terapia la speranza: trattati con successo una percentuale alta
Salute

Leucemia, da una nuova terapia la speranza: trattati con successo una percentuale alta

Leucemia, da una nuova terapia la speranza: trattati con successo una percentuale alta. C’è una speranza contro la leucemia, si tratta di una nuova terapia sperimentale che potrebbe offrire ai malati di cancro del sangue una “nuova prospettiva di vita”, secondo gli scienziati. Il trattamento immunoterapico, chiamato talquetamab, ha curato con successo il 73% dei pazienti con mieloma multiplo in uno studio globale.

La nuova terapia ha aiutato le persone che avevano avuto una ricaduta della malattia più di una volta, dopo che altri trattamenti non erano riusciti a portarle in remissione per un lungo periodo di tempo. “Ciò significa che quasi tre quarti di questi pazienti stanno guardando a una nuova prospettiva di vita”, ha detto il dottor Ajai Chari, del Programma per il mieloma multiplo presso il Tisch Cancer Institute e autore principale di entrambi gli studi.

Il farmaco agisce insegnando ai globuli bianchi del corpo a uccidere le cellule tumorali che si formano in un tipo di globuli bianchi chiamati plasmacellule. Il nuovo farmaco prende di mira specificamente la proteina GPRC5D. Una quantità eccessiva di esso nel midollo osseo è associata a una scarsa sopravvivenza nei pazienti con mieloma multiplo.

Talquetamab si lega a GPRC5D che raduna le cellule T – globuli bianchi che si sviluppano dalle cellule staminali nel midollo osseo – per combattere le cellule tumorali. È stato testato in due studi separati, il primo dei quali è stato pubblicato a settembre. I risultati della fase 2 sono stati presentati lo scorso sabato alla riunione annuale dell’American Society of Hematology, e ripresi dal Daily Mail.

Leucemia, da una nuova terapia la speranza

I dati sono stati ottenuti da quasi 300 malati di cancro che avevano provato almeno tre diverse terapie senza ottenere una remissione duratura. Ben 143 pazienti sono stati trattati con una dose settimanale di 405 μg per chilogrammo, mentre 145 pazienti trattati con una dose più alta di 800 μg per chilogrammo ogni due settimane. Gli scienziati hanno registrato miglioramenti nei sintomi dopo circa un mese.

Le persone hanno iniziato a rispondere ai trattamenti a dosi diverse entro circa nove mesi. Più del 30% dei pazienti in entrambi i gruppi ha avuto una risposta completa, il che significa che tutti i segni del cancro sono scomparsi. Il resto dei pazienti trattati con successo ha avuto una risposta parziale molto buona o migliore, il che significa che il cancro è stato sostanzialmente ridotto ma non necessariamente fino a zero.

Anche Talquetamab ha funzionato almeno altrettanto bene o meglio di altri trattamenti standard per il mieloma multiplo. Il 65% dei pazienti che hanno ricevuto talquetamab al livello di dose di 405 μg (microgrammi), e il 70 percento di coloro che lo hanno ricevuto al livello di dose di 800 μg hanno avuto una risposta immunitaria.

Nel frattempo, solo il 25% dei pazienti simili che hanno ricevuto selinexor più desametasone e il 31% di quelli che hanno ricevuto belantamab mafodotin. Entrambi questi farmaci sono approvati dalla Food and Drug Administration.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Leucemia, terapia Car-T funziona: guariti i primi 3 bimbi sottoposti al trattamento

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com