Home » Sbranata dal pitbull del vicino: bimba di 7 anni muore in ospedale. Proprietario accusato di omicidio
Cronaca

Sbranata dal pitbull del vicino: bimba di 7 anni muore in ospedale. Proprietario accusato di omicidio

Sbranata dal pitbull del vicino: bimba di 7 anni muore in ospedale. Proprietario accusato di omicidio. La tragedia si è consumata intorno alle 18:30 (ora locale) dello scorso venerdì a East Baton Rouge, nello Stato americano della Louisiana. Qui una bambina di 7 anni è stata aggredita dal pitbull del vicino mentre giocava fuori casa sua. Immediati i soccorsi, con il personale sanitario che ha trasportato la piccola all’ospedale. Troppo gravi le ferite riportate nell’attacco e la bambina non c’è l’ha fatta. Il proprietario del cane è accusato di omicidio colposo.

Sadie Davila, questo il nome della vittima, secondo quanto ricostruito dal Daily Mail, stava giocando fuori casa di un parente quando il pitbull del vicino l’ha aggredita mortalmente. Il proprietario del cane, un giovane di 20 anni, è stato arrestato e accusato di omicidio colposo per non aver confinato o trattenuto il cane, secondo quanto previsto dalla legge statunitense, che è molto simile a quella italiana. La morte della piccola ha scosso un’intera comunità, ma soprattutto ha devastato la famiglia, che ora chiede giustizia per la gravissima perdita. La madre della bimba ha scritto un post su Facebook.

Sbranata dal pitbull del vicino: il drammatico pist della madre della vittima

“Grazie a tutti coloro che ci hanno contattato. Avete mostrato tanta cura e gentilezza. Vi ringraziamo per le vostre preghiere. Per quelli di voi che sono vicini alla mia famiglia o a me, vicini, insegnanti di Sadie, ecc. Vi chiedo discrezione se vi contattano persone in cerca di notizie. Sono già stato contattato da 2 giornalisti. Presto faremo una dichiarazione ai media con il nostro avvocato. Mio nonno mi sta facendo avviare un gofundme che online questo pomeriggio. Le spese funebri e di sepoltura sono state generosamente pagate. Abbiamo solo bisogno di cose in casa per mia nonna, Mikey e la nostra famiglia come generi alimentari, gas, bollette, ecc; poiché nessuno di noi lavorerà per un po’”, scrive la donna.

Secondo il rapporto di arresto, la casa del proprietario del cane non aveva nemmeno una recinzione, né qualsivoglia barriera per impedire al cane di vagare per le strade. L’ufficio dello sceriffo di East Baton Rouge ha fatto sapere che il parente di Sadie ha cercato di salvarla dal cane, ma non è stato in grado di fermare il feroce attacco. Il pitbull è stato dato in custodia alle autorità locali che si occupano degli animali. Lo sceriffo Sid Gautreaux si è unito alla comunità in lutto per la morte della bimba che frequentava la prima elementare. “È una tragedia terribile e straziante. Il mio cuore va a questa famiglia, rimarranno nelle mie preghiere”, ha detto lo sceriffo a WAFB.

Legge sui pitbull in Italia. Di seguito alcuni degli obblighi previsti dalla normativa sulle razze considerate pericolose in Italia.

Il padrone è sempre responsabile del benessere e del controllo del proprio animale, pertanto risponde sia civilmente che penalmente dei danni o lesioni che questi arreca a persone, animali o cose. Inoltre è obbligato a utilizzare sempre e in ogni luogo il guinzaglio di una misura non superiore a mt. 1,50 per i cani condotti nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico – fatte salve le aree per cani individuate dai Comuni – e di avere sempre con sé la museruola (rigida o morbida) da applicare in caso di potenziale pericolo
l’obbligo di affidare il proprio animale solo a persone in grado di gestirlo.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com