Home » Geppi Cucciari: “Io la De Filippi di sinistra? La tv ha a che fare con due cose”
Spettacolo Televisione

Geppi Cucciari: “Io la De Filippi di sinistra? La tv ha a che fare con due cose”

Geppi Cucciari: “Io la De Filippi di sinistra? La tv ha a che fare con due cose”. Geppi Cucciari la De Filippi di sinistra? La conduttrice spiega il suo punto di vista parlando del suo nuovo programma “Splendida cornice” in onda il giovedì alle 21.25 su Rai3. Di seguito alcuni passaggi dell’intervista rilasciata a ‘Il Corriere della Sera’.

Geppi Cucciari giovedì si affaccia alle 21.25 su Rai3 con il suo nuovo programma, Splendida cornice.
«Non posso nascondere la tensione, quell’ansia sottocutanea di affrontare per la prima volta una prima serata da sola, tutta mia, con un mandato peculiare: fare una prima serata sulla cultura. L’hanno chiesto a me e questo deve essere un malinteso frutto dei tempi… La cultura sarà il contenuto, il linguaggio sarà il mio, l’autorevolezza sta negli ospiti che ci saranno. Sento la responsabilità, sono felice e impaurita».

Impaurita nonostante tutta la sua esperienza tra teatro e tv?
«Non ho mai fatto un programma di due ore, mi chiedo ogni giorno se sono in grado. A dispetto dell’apparenza così aggressiva che a volte mi criticano di avere, porto sempre con me una fragilità di fondo. A volte sono più aggressiva di quello che vorrei essere, forse perché le emozioni altrui mi investono».

Lei è una che ha sempre la risposta pronta…
«Me lo fanno notare spesso, anche quando non lavoro. La prontezza nell’allineare il pensiero all’ascolto può essere un talento o un fastidio… Ascoltare gli altri con il filtro dell’ironia prescinde dal mestiere che scegli di fare. E io sono così anche nella vita di tutti i giorni. Ma non sempre. Pensi che so addirittura stare zitta…».

[…] Maria De Filippi è maestra nell’ascoltare la pancia del Paese, si sente la De Filippi di sinistra?
Ride. «La tv ha a che fare con due cose: i contenuti e gli ascolti che a volte si abbracciano mortalmente in ossimori disturbanti, ma in realtà quello che contano sono gli ascolti. Credo e temo che non farò mai gli ascolti di Maria De Filippi… Lei ha una capacità incredibile nel scegliere sia gli ospiti comuni sia quelli famosi; io non ho né quella capacità né quel budget».

Geppi Cucciari: “Io la De Filippi di sinistra? Lei ha capacitàche io non ho”

A cosa le è servita la laurea in Giurisprudenza?
«Il mestiere del comico — un mestiere che è un aggettivo già la dice lunga — è volubile, se lo scegli significa che c’è qualcosa che non va nella tua testa. La laurea era l’idea di un posto dove tornare, per un certo periodo ho lavorato da un notaio, facevo la doppia vita: di giorno in studio, di sera in teatro e al cabaret. Mi ero data due o tre anni per riuscirci, se non ce l’avessi fatta sarei tornata in Sardegna: oggi devo tutto a Milano, ma perché fare il notaio in una città che è un posto assurdo?».

I suoi genitori erano contrari alla sua carriera…
«I miei non volevano che studiassi all’Accademia di Arte Drammatica, volevano che mi laureassi e io ci tenevo ad avere la loro approvazione, non volevo creare una frattura con loro. Alla fine la vita è quello che ti succede ma anche quello che fai nel momento in cui ti succede».

Ha giocato a basket fino ad arrivare in A2 con la Virtus Cagliari. Cosa le ha insegnato lo sport?
«Il basket mi ha insegnato quanto la preparazione sia importante prima della partita, e dunque per l’esibizione. Come diceva Thomas Edison il genio è per l’1% ispirazione e per il 99% traspirazione. Significa che sulle cose devi lavorare, il basket mi ha lasciato il senso del gruppo, della preparazione e dello studio. La regola è che per esibirsi devi studiare, le mie improvvisazioni nascono su un terreno solido».

Che sentimento le suscitano i social?
«Credo che sia pericolosa l’idea che la gente pensi di poterti dire qualunque cosa, sarebbe bello un mondo in cui nessuno scrive sui social quello che non ha il coraggio di dirti in faccia».

[…] Lei pende politicamente a sinistra, è nel gruppo di chi a proposito di Giorgia Meloni pensa che finalmente almeno c’è una donna al governo?
«Per me è senz’altro stupefacente lo stupore così diffuso che sia una donna».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com