Home » Seno esplode pochi giorni dopo l’intervento chirurgico: l’odissea di una 48enne operata in Turchia
News World

Seno esplode pochi giorni dopo l’intervento chirurgico: l’odissea di una 48enne operata in Turchia

Seno esplode pochi giorni dopo l’intervento chirurgico: l’odissea di una 48enne operata in Turchia. Una donna inglese di 48 anni è andata in Turchia per un intervento chirurgico al seno, ma pochi giorni dopo è iniziato in incubo durato mesi durante i quali ha dovuto subire due operazioni con risultati disastrosi. Kelly Young, questo il nome della protagonista della vicenda, ha pagato oltre 4mila euro per le protesi al seno lo scorso settembre. La donna si era già sottoposta ad un intervento nel 1998.

La 48enne londinese, madre di due figli, ha optato per una clinica che propone interventi a prezzo ridotto in Turchia. Ma pochi giorni dopo essere tornata a casa, è rimasta inorridita nel vedere un buco sotto il seno destro che trasudava pus. La donna, che lavora come autista, ha finito per pagare ulteriori 3mila euro e fare altri due viaggi in Turchia per risolvere le complicazioni che le hanno cambiato la vita. I suoi impianti si sono infettati e hanno dovuto essere rimossi, lasciandola con “molte cicatrici” e un “torace piatto”.

La donna si era già sottoposta ad un intervento alla fine degli anni ’90, ma il suo impianto destro alla fine si è rotto nel 2018, deformandole il seno. Così, nel disperato tentativo di rimettere in forma il suo corpo, dopo aver “aspettato anni per farlo”, ha deciso di far sostituire i suoi impianti. Ha scelto una clinica in Turchia in modo da unirsi a un’amica che stava programmando di partire per la stessa destinazione ma per una procedura odontoiatrica.

La donna, come riporta il Daily Mail, ha ammesso di non aver fatto molte ricerche, per questo ha scelto la clinica turca che le sembrava “il posto più economico”. Tuttavia, pochi giorni dopo essere tornata a casa a settembre, la cicatrice sotto il seno destro aveva cominciato ad aprirsi e l’impianto, coperto di pus, stava spuntando da esso. ”Il mio medico ha detto che era infetto e mi ha prescritto antibiotici […] Era troppo grande e peggiorava ogni giorno, quindi sono dovuta andare al pronto soccorso”.

Seno esplode pochi giorni dopo l’intervento chirurgico

La donna è quindi tornata in Turchia a novembre per un intervento di revisione. Il giorno dopo ha avuto altti problemi per una copiosa fuoriuscita di sangue. Ma il chirurgo le ha detto che “era normale” e che sarebbe rimasto così “ancora per qualche giorno”. A quel punto se n’è tornata a casa. Ma la situazione è peggiorata. In genere, la chirurgia della protesi mammaria costa circa 7mila euro nel Regno Unito, mentre in Turchia può costare la metà, ma non include l’assistenza post operatoria.

Un chirurgo inglese le ha detto che il secondo set di protesi, inserito come parte del suo intervento di revisione, si era infettato e che avrebbe dovuto aspettare almeno sei mesi dalla sua prima procedura prima di sottoporsi a un ulteriore trattamento. La signora Young ha deciso di tornare in Turchia a dicembre, per la terza volta in tre mesi.

Ma i medici le hanno detto che non c’era “nulla che potessero fare”. Hanno rimosso gli impianti e le hanno consigliato di non farsi mettere altri impianti. Dopo aver rimosso gli impianti, la donna è andata in depressione e ora sta cercando un altro chirurgo che le ripara il danno. Sebbene non le siano state addebitate le due operazioni di revisione, la signora Young ha sborsato complessivamente oltre 7mila euro per l’intervento chirurgico iniziale, i voli e l’alloggio e alla fine è rimasta gravemente menomata.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Seno esplode dopo l’operazione: pornostar mostra il video shock. È bufera

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com