Home » Nuoro, curava tumori con ultrasuoni: dottoressa condannata all’ergastolo
Cronaca

Nuoro, curava tumori con ultrasuoni: dottoressa condannata all’ergastolo

Nuoro, curava tumori con ultrasuoni: dottoressa condannata all’ergastolo. Una dottoressa di Tertenia (Nuoro), è finita sotto processo per aver curato pazienti affetti da tumore con terapie alternative, ultrasuoni e radiofrequenze. Per questi motivi, la dottoressa Alba Veronica Puddu, 52 anni, è stata condannata all’ergastolo con isolamento diurno dalla Corte d’assise di Cagliari. Queste metodologie avrebbero ridotto l’aspettativa di vita dei malati e accelerato la loro morte.

Al termine della sua requisitoria, il pm Giovanna Moro aveva chiesto per l’imputata 24 anni di carcere. La sentenza di primo grado riconosce la dottoressa 52enne colpevole di omicidio volontario aggravato, circonvenzione di incapace e truffa. Per questi motivi la 52enne è stata condannata all’ergastolo con isolamento diurno dalla Corte d’assise di Cagliari.

Gli ultrasuoni e le radiofrequenze hanno tutt’altri utilizzi nella meficina. I primi sono onde sonore ad alta frequenza che vengono utilizzate in per diverse finalità. Possono essere utilizzati per diagnosticare malattie o per trattare alcune condizioni mediche. Nella diagnostica, gli ultrasuoni vengono utilizzati per creare immagini dettagliate degli organi interni, come il fegato, i reni e la vescica.

Nuoro, curava tumori con ultrasuoni: condannata all’ergastolo

Gli ultrasuoni possono essere utilizzati nel trattamento per rompere le pietre renali o per stimolare la guarigione delle fratture ossee. Inoltre gli ultrasuoni vengono utilizzati anche in fisioterapia per la cura di alcune patologie muscoloscheletriche.

Per quanto riguarda le radiofrequenze, il discorso è molto simile. Si tratta di onde elettromagnetiche (RF) ad alta frequenza che vengono utilizzate in medicina per diverse finalità. Nel campo della medicina estetica, le radiofrequenze vengono utilizzate per il ringiovanimento cutaneo, la riduzione della cellulite e la riduzione del grasso localizzato.

Le radiofrequenze agiscono generando calore nei tessuti, questo a sua volta genera una contrazione delle fibre di collagene, aumentando così la produzione di nuovo collagene e migliorando l’elasticità della pelle. Inoltre, le radiofrequenze sono utilizzate anche per trattare disturbi come l’artrite reumatoide e la cervicalgia.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Busto Arsizio, truccava i parcometri per pagarsi estetista e palestra: 95mila euro in monetine sottratte da una dipendente

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com