Home » Il vicino fuma troppe canne, 76enne fa causa alla città: “Ho il diritto di respirare aria fresca in casa mia”
Curiosità

Il vicino fuma troppe canne, 76enne fa causa alla città: “Ho il diritto di respirare aria fresca in casa mia”

Il vicino fuma troppe canne, 76enne fa causa alla città: “Ho il diritto di respirare aria fresca in casa mia”. Una donna di Washington DC ha citato in giudizio la sua città perché il fumo di marijuana proveniente dall’appartamento accanto al suo ha “invaso la sua casa” e le sta rovinando la vita. Josefa Ippolito-Shepherd, 76 anni, ha citato in giudizio il Distretto di Columbia per l’odore proveniente dal vicino 73enne che secondo lei le ha reso difficile respirare, dormire e vivere.

“Ho il diritto di respirare aria fresca nella mia casa. Non mi riferisco a quando vado a casa di qualcun altro, o in un posto in cui la gente va a fumare erba. Hanno la libertà di fare qualsiasi cosa. Semplicemente non voglio che casa mia sia invasa dal fumo”, ha detto la 76enne. La marijuana ricreativa è legale a Washington DC, il che significa che il fumatore non sta commettendo alcun reato. La donna chiede al Comune di vietare il fumo almeno nei condomini.

Intanto il vicino fumatore incallito dice che l’odore e i suoi effetti non sono responsabilità sue. Ma il legale della 76enne si dice pronto a portare il caso alla più alta corte necessaria. La sua cliente afferma che il fumo di marijuana sia entrato in casa sua attraverso le fessure delle scale, dietro una rete di tubi che corre sotto il lavello della sua cucina e sopra le luci incassate della persona che vive al piano di sotto.

La donna ha chiesto al proprietario dell’abilitazione accanto di sfrattare l’inquilino a cui ha chiesto di smettere di fumare all’interno. Entrambi hanno respinto la sua richiesta. La marijuana a Washington è stata legalizzata dal 2015, la causa no sembra avere una via legale che accontenti la signora. Il presidente del consiglio comunale di Washington DC, Phil Mendelson, ha affermato che l’unico modo per risolvere il problema sarebbe vietare nuovamente la marijuana in città.

Il vicino fuma troppe canne, 76enne fa causa al distretto Columbia

La causa è la prima del suo genere in DC. C’è un precedente, tuttavia, con l’odore delle sigarette che ha portato all’adozione di un’azione legale. Nel 1976, la corte superiore dello stato del New Jersey si è pronunciata a favore di un’impiegata che ha citato in giudizio i suoi datori di lavoro per aver permesso ai colleghi di fumare alle loro scrivanie.

Centinaia di cause legali sono seguite per il tabacco, secondo il Washington Post, ma la legge sulla marijuana, soprattutto dato che la droga non è ancora legale a livello nazionale, non è stata chiarita. Controversie come queste potrebbero diventare più comuni in futuro, poiché un sondaggio Gallup nel 2022 ha affermato che gli americani fumano più marijuana che sigarette. L’odore è spesso oggetto di reclamo.

Lo scrittore Thomas Chatterton Williams ha recentemente twittato: “Il grado in cui l’aria di Manhattan è ora solo satura dell’aroma della marijuana è francamente assurdo“. Brooke Hoots del CDC ha affermato che il THC, la sostanza principale della marijuana, ha molte delle stesse tossine cancerogene che possono essere trasmesse attraverso il fumo passivo.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Pagati per fumare cannabis, team scienziati cerca 6mila consumatori per una sperimentazione pionieristica

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com