Home » Gianluca Grignani: “Mio padre ha sbagliato ma mi manca. Non vedo i miei figli e fa male”
Gossip

Gianluca Grignani: “Mio padre ha sbagliato ma mi manca. Non vedo i miei figli e fa male”

Gianluca Grignani: “Mio padre ha sbagliato ma mi manca. Non vedo i miei figli e fa male”. Gianluca Grignani sul padre e non solo, il cantante milanese, 50 anni, si racconta ripercorrendo le tappe più difficili della sua vita in una intervista a ‘Il Corriere della Sera’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

«Quando ti manca il fiato», la canzone che presenterà in gara a Sanremo.
«Ogni volta che la sento mi toglie un dubbio e me ne mette un altro, un brano che mi tocca sia come figlio che come padre».

Papà stava male quando chiamò? C’è ancora?
«Stava bene ed è ancora in vita anche se non ci vediamo da almeno 15 anni. Vive in Ungheria. Non ha ancora sentito la canzone e non vorrei che gli scoppiasse il cuore…».

Che effetto le fece quella chiamata?
«Sarà stato una decina di anni fa, era un periodo in cui mi si era rimarginata la ferita provocata della separazione dei miei che era avvenuta quando avevo 18 anni. Era stata una separazione non gestita, ma non fra padre e madre quanto fra padre e figlio. Lui se ne è andato in maniera poco consona: ha messo in mezzo me. Mi sono sentito solo. Non aveva fatto le scelte che sto facendo io ad esempio».

Si sente simile o diverso?
«Ho paura di essere simile a una persona che ha fatto errori e che non so se dovrei accusare o scusare. Allo stesso tempo mi manca la sua immagine. Quando mi incontro con l’altro suo figlio sento di avere delle radici. La differenza è che io so dire ti voglio bene e so abbracciare, i miei genitori non lo facevano».

Gianluca Grignani: “Mio padre ha sbagliato ma mi manca”

Anche lei è un padre, di quattro figli, separato… Ha rivissuto qualcosa della sua infanzia attraverso la loro?
«Non direi… Non vedo i miei figli (solo la maggiore, ndr) non perché non lo voglia ma perché la mia responsabilità ha fatto sì che io decidessi che questa è la cosa giusta da fare. E questo fa male. Davanti ai figli avrei dovuto gridare e invece sono stato zitto».

[…] Le pesava essere un sex symbol?
«Ma che ci posso fare se sono bello? (ride) Beatles e Stones non erano stati massacrati per il loro aspetto, la mia musica invece è stata presa e considerata stupida».

Ha compiuto da poco 50 anni: come ha vissuto il traguardo?
«Devastante. Non mi sento un cinquantenne ma ne ho tutte le paranoie. Non sono più un ragazzino, arriva la maturità del padre ma è una biga che non so ancora guidare».

C’è stato un momento autodistruttivo nella sua carriera. L’abbiamo vista accasciarsi sul palco nel 2009 a Viggianello (Potenza)… Ha mai avuto paura di perdersi?
«Ho più paura adesso. Allora vincevo, rimanevo sempre a galla. Ma quella volta merita di essere raccontata: il giorno prima eravamo a Reggio Calabria in un hotel dove una famiglia della ’ndrangheta faceva festa. Ci scambiarono per altri e finì male, ci arrivò un tavolo in testa. Il giorno dopo l’agenzia che mi seguiva allora mi fece salire sul palco lo stesso. Mi accasciai apposta, non potevo accettare un trattamento del genere. Poi aggiungo che non sono mai stato un santo e non lo sarò mai».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com