Home » [VIDEO] Aggredito da un orso ha atteso che l’animale tornasse per sbranarlo: l’incredibile storia di Alexander
Animali News World

[VIDEO] Aggredito da un orso ha atteso che l’animale tornasse per sbranarlo: l’incredibile storia di Alexander

Aggredito da un orso ha atteso che l’animale tornasse per sbranarlo

Alexander è stato aggredito da un orso in una regione sperduta della Russia,ha atteso che l’animale tornasse per sbranarlo ma è riuscito a salvarsi. La storia che ha del miracoloso è riportata da Dagospia ed arriva da Tuva, una delle ventidue repubbliche russe dove Alexander è nato e cresciuto.

I dettagli della storia non si conoscono, poichè Alexander non li ricorda, ma l’unica certezza è che l’uomo è stato aggredito da un orso che gli spezzato la schiena e lo ha trascinato dentro la sua tana. Lo ha sotterrato sotto un po’ di terra e si è allontanato convinto che sarebbe tornato in un secondo momento per uno spuntino succulento. Gli orsi bruni, infatti, sono stati conosciuti per la loro abitudine di seppellire parzialmente o completamente le loro prede, aspettando giorni o settimane prima di tornare sul posto. Ivan V. Seryodkin, dell’Accademia delle scienze russa, ha teorizzato che lo fanno per tenere la preda nascosta agli altri animali e per consentire alla carne di decomporsi ed essere più facilmente addentata.

Alexander è sopravvissuto bevendo la sua urina e ha pregato tutti i giorni affinché l’animale non tornasse. A trovarlo, dopo un mese, sono stati i cani di un gruppo di cacciatori, che hanno portato i loro padroni all’interno della grotta.

Nel video si vede Alexander com’è oggi, la pelle bianchissima per la mancanza di luce e lo stato di estrema denutrizione. I medici dicono che può muovere le braccia, ma è totalmente privo di forze: “Ha ferite gravi e parte del suo corpo si stava decomponendo. È un miracolo che sia riuscito a sopravvivere e che non sia stato ucciso”.

 

 

LEGGI ANCHE: Usa scomparso da due giorni, bambino salvato da un orso

Loading...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com