Home » Roma, scuola divide alunni per classi sociali: scoppia la polemica – FOTO
Cronaca

Roma, scuola divide alunni per classi sociali: scoppia la polemica – FOTO

Scoppia la polemica a Roma per una scuola che divide gli alunni per classi sociali, in particolare in base al lavoro dei genitori

Scuola divide alunni per classi sociali. È polemica per l’ istituto scolastico di via Vallombrosa, a Roma. Qui, sottolinea leggo.it che ne dà notizia sottolineando il caso, studiano i figli delle badanti, precisamente delle badanti dell’ alta borghesia romana che vive in via Cortina d’Ampezzo.

Un dettaglio che dovrebbe essere del tutto indifferente, invece è la stessa scuola a volerlo specificare, mettendo il tutto nero su bianco direttamente nella presentazione dell’istituto. Sul sito della scuola IC Via Trionfale, alla voce presentazione, si viene a sapere nel dettaglio a quale classe sociale appartengono i bambini che frequentano le singole sedi della scuola.

Come riporta leggo.it, “Si tratta di informazioni solitamente non fornite dalle scuole. Ma in questo caso sono ben dettagliate, con lo scopo di descrivere la diversità dell’utenza tra un plesso e l’altro. Come si legge sul sito, l’utenza dell’IC via Trionfale è disomogenea perché i 4 plessi sono divisi nei due Municipi XIV e XV di Roma.

Scuola divide alunni per classi sociali: polemica a Roma

L’ampiezza del territorio rende ragione della disomogeneità della tipologia dell’utenza che appartiene a fasce socio-culturali assai diversificate. Da qui in poi si va nel dettaglio: «La sede di via Trionfale e il plesso di via Taverna accolgono, alunni appartenenti a famiglie del ceto medio-alto, mentre il plesso di via Assarotti, situato nel cuore del quartiere popolare di Monte Mario, accoglie alunni di estrazione sociale medio-bassa e conta, tra gli iscritti, il maggior numero di alunni con cittadinanza non italiana».

Indicazioni nette, nessun dubbio: da una parte il ceto medio alto, dall’altro quello medio-basso e gli stranieri. Ma sul plesso di via Vallombrosa si va, come se non bastasse, ancora più a fondo: «Il plesso sulla via Cortina d’Ampezzo si spiega nella presentazione – accoglie prevalentemente alunni appartenenti a famiglie dell’alta borghesia assieme ai figli dei lavoratori dipendenti occupati presso queste famiglie (colf, badanti, autisti, e simili)». Indicazioni decisamente di troppo, che poco hanno a che fare con le caratteristiche di una scuola di cui generalmente si cercano informazioni sull’offerta formativa o sui laboratori, e che hanno quindi provocato non pochi malumori tra le famiglie: chissà infatti, leggendo quella presentazione, come devono sentirsi i bambini di via Assarotti o i figli di una badante nei confronti dei compagni provenienti invece dalla cosiddetta alta borghesia”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Ultima ora:
Gf Vip, Cristina Plevani difende Salvo Veneziano: “Ha sbagliato ma vi dico una cosa. Io nella casa? È una minaccia…”

Milano, madre sfonda cancello della caserma dei carabinieri con un furgone: avevano arrestato il figlio

Diletta Leotta a Sanremo: “Ariston il mio stadio. Sono particolarmente felice per una presenza. Su Rula Jebreal…”

Ikea ritira bicchiere dal mercato: rilascio di sostanze chimiche, “non usatelo!”. Il modello

Roma, scuola divide alunni per classi sociali: scoppia la polemica – FOTO

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com