Home » Corea del Sud, arrestato il leader di Samsung. Il motivo
Economia World

Corea del Sud, arrestato il leader di Samsung. Il motivo

Il capo di Samsung, Lee Jae-yong, è accusato di avere comprato con tangenti l’appoggio del governo per estendere il proprio controllo sull’azienda

Lee Jae-yong, vicepresidente di Samsung Electronics e di fatto il capo di Samsung Group, il più grande produttore di smartphone Android al mondo, è stato arrestato a Seul, in Corea del Sud, con le accuse di corruzione, falsa testimonianza e appropriazione indebita. Lee era già indagato da tempo, nell’ambito di un’inchiesta giudiziaria avviata per un presunto versamento di 43 miliardi di won (35,6 milioni di euro) a Choi Soon-sil, una conoscenza di vecchia data della presidente Park Geun-hye, per avere l’appoggio del governo nel passaggio di potere all’interno dell’azienda. Park è sotto impeachment dal dicembre scorso con le accuse di corruzione e di avere ricevuto tangenti da diverse aziende sudcoreane.

Loading...
ForzAzzurri.net

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Read more
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com