Home » Coltivavano Marijuana in casa, coppia scarcerata a Milano: “È una filosofia di vita”
Repubblica.it
Cronaca

Coltivavano Marijuana in casa, coppia scarcerata a Milano: “È una filosofia di vita”

Milano, Marijuana coltivata in casa. I due giovani si sono definiti “esperti di agricoltura e vicini alla concezione slow food”

Rivendicato l’uso consapevole della sostanza. Rientra nella casistica prevista dalla proposta di legge sulla legalizzazione delle droghe leggere firmata da oltre cento parlamentari di diversi schieramenti politici

Durante l’interrogatorio di convalida dell’arresto, ha spiegato che per lei “assumere marijuana in modo sporadico e consapevole è una filosofia”. Così una venticinquenne ha giustificato il fatto che, assieme all’ex ragazzo, avesse trasformato una stanza di casa in una piccola piantagione. Per i due giovani, entrambi arrestati venerdì sera dai poliziotti del commissariato Ticinese, il giudice della Quarta sezione penale del tribunale ha disposto la liberazione. L’accusa, sostenuta da un vice procuratore onorario, chiedeva invece per i giovani gli arresti domiciliari. I due ragazzi aspetteranno quindi in libertà il prossimo 6 giugno, giorno per cui è fissata la prima udienza del processo in cui dovranno rispondere del reato di detenzione di sostanza stupefacente. Ad attrarre nell’appartamento i poliziotti, che si trovavano nell’edificio per un altro intervento, è stato il forte odore di marijuana in essiccazione, percepibile dal pianerottolo.

I due giovani – che si sono definiti “esperti di agricoltura e vicini alla concezione slow food” – nel corso dell’udienza di convalida hanno rivendicato la scelta di coltivare e consumare marijuana come uno “stile di vita”. Il caso dei due ragazzi – vale a dire la coltivazione in luogo privato per esclusivo consumo personale di non più di cinque piante – è il caso tipico previsto dalla proposta di legge sulla legalizzazione delle droghe leggere presentata lo scorso 25 luglio dal senatore Benedetto Della Vedova e firmata da oltre cento parlamentari di diversi schieramenti politici.

Da una serie di sentenze su casi identici a quello approdato ieri al tribunale di Milano, negli scorsi anni alcuni Stati nordamericani sono arrivati alla legalizzazione dell’uso della marijuana per scopi ricreativi (California, Nevada, Massachusetts e Maine) o medici (Florida, North Dakota, Arkansas e Montana). In Italia la giurisprudenza della Cassazione per la coltivazione in casa finalizzata al consumo personale non è univoca. A sentenze favorevoli al coltivatore – l’ultima nota è la 5254 del 2016 – se ne contrappongono altre che considerano la coltivazione reato di per sé, non essendo possibile provare che il consumo sia davvero l’unico scopo di chi produce marijuana.

Di fronte al giudice, la ragazza ha spiegato di “assumere la sostanza tramite un vaporizzatore elettronico, del tutto simile a una sigaretta elettronica, che elimina gli effetti negativi della combustione”. Entrambi i giovani, infatti, si sono dichiarati “non fumatori, né di sigarette né di altro”.

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com