Home » Padova, indagati per omicidio colposo i genitori di Eleonora che rifiutò la chemio
Cronaca Italia

Padova, indagati per omicidio colposo i genitori di Eleonora che rifiutò la chemio

Indagati per omicidio colposo i genitori che indussero la figlia a rifiutare la chemioterapia.

Si sono chiuse le indagini preliminari sulla vicenda che riguarda Eleonora Bottaro, una 18enne residente a Bagnoli (Padova), deceduta lo scorso agosto dopo aver rifiutato le cure chemioterapiche per la leucemia linfoblastica acuta da cui era affetta.
I genitori sono indagati per omicidio colposo aggravato con l’aggravante della “previsione dell’evento”, e per non aver consentito alla figlia “la somministrazione della terapia chemioterapica, indicata da tutti i medici interpellati come essenziale e idonea a determinare la guarigione”. Sono accusati di aver violato, tra le altre cose, “l’obbligo di tutela insito nella potestà genitoriale” e di aver “indotto nella figlia il falso convincimento che la terapia fosse non solo non necessaria, ma addirittura nociva e interferivano in ogni scelta medica”.
Quando Eleonora ha contratto la malattia era ancora minorenne, e per questo venne coinvolto anche il tribunale dei minori di Venezia. Sin da subito, i medici avevano previsto la necessità della medicina tradizionale per cercare di salvarla, ma i genitori si opposero fino a perdere la patria potestà.
In un comunicato stampa diffuso dalla Procura, a firma del procuratore capo Matteo Stuccilli, si legge che i genitori “da un lato si opponevano alla terapia chemioterapica, osteggiata fin dal primo intervento medico, dall’altro ingeneravano nella figlia Eleonora una falsa rappresentazione della realtà sia in ordine alla gravità e mortalità della patologia da cui era affetta (leucemia linfoblastica acuta) sia con riferimento alla idoneità e adeguatezza curativa soltanto dei rimedi da essi proposti, privi di qualsiasi validità scientifica.
Gli inquirenti, prima di muovere l’accusa verso i genitori che abbracciavano le cure alternative, hanno sentito amici, compagni del gruppo scout e anche il fidanzato per capire il grado di condizionamento su Eleonora. Inoltre, la procura ha acquisito tutte le cartelle cliniche, comprese quelle depositate nella clinica svizzera in cui per un periodo la giovane è stata ricoverata.

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com