Home » Stretta sulle slot machine: taglio drastico delle unità in Italia. Nel mirino le attività di gioco e scommette
News World

Stretta sulle slot machine: taglio drastico delle unità in Italia. Nel mirino le attività di gioco e scommette

Slot machine, cambia tutto

Generalisti secondari, bar, tabacchi e poi gl altri. Taglio drastico alle slot machine che in tre anni saranno ridotte dalle attività nelle quali si scommette e si gioca. È questo il piano delineato dal governo per la lotta al gioco d’azzardo, a completamento del decreto attuativo pubblicato qualche giorno fa sulla Gazzetta Ufficiale, che impone la riduzione del 35% delle macchinette presenti in Italia. Le slot dovranno passare dalle attuali 400mila a circa 265mila. Il taglio delle 135mila unità avverrà in due step: il 15% entro la fine di quest’anno, mentre il restante 19% entro il 30 aprile 2018.

Ma non è tutto. Secondo quanto riferisce l’Adn Kronos, la stretta sul gioco d’azzardo non si ferma qui: il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, domani, in vista della Conferenza Stato Regioni, intende proporre anche il dimezzamento in tre anni degli attuali 98mila punti di gioco. “L’insieme della riforma è un primo tassello – ha detto ieri Baretta a margine della tavola rotonda ‘Istituzioni e azzardo in Italia’ tenutasi a Milano – ma il riordino rappresenta, tuttavia, un’importante inversione di tendenza da parte del Governo, che deve essere consolidata perché non resti fragile”.

Il dimezzamento dei punti gioco, ha spiegato Baretta, “ridurrà la pressione sul territorio”. Inoltre, ha aggiunto il sottosegretario, rivolgendosi a regioni e comuni, “è preferibile realizzate una dislocazione equilibrata che non porti a concentrazioni nelle periferie urbane”. “Mi auspico che giovedì, in sede di Conferenza unificata, si raggiunga un accordo – ha concluso Baretta –. Solo così saremo in grado di occuparci di altre criticità che restano aperte. A partire dal divieto di pubblicità”.

I punti vendita oggi abilitati all’installazione delle macchine (non tutti necessariamente ne detengono attualmente) sono circa 100mila. Si tratta, nello specifico, di circa 56mila bar e oltre 13mila tabacchi. Per non parlare delle 29.600 sale e punti gioco, di cui 8mila esercizi generalisti secondati, 2.800 sale di videolottery, 200 sale Bingo 5mila sale giochi, 5.600 negozi e 8mila corner. A regime, si legge nella proposta, sul territorio nazionale saranno presenti un massimo di 18mila sale, comprensive di quelle attualmente esistenti, e un numero massimo di 30/35mila esercizi che saranno in grado di ottenere la certificazione per la vendita di gioco pubblico.

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com