Home » Città segrete, Augias bocciato dai napoletani: “Camorra e malaffare, che c’entra con la cultura?”
Cultura Televisione

Città segrete, Augias bocciato dai napoletani: “Camorra e malaffare, che c’entra con la cultura?”

Città segrete, Augias bocciato dai napoletani per la trasmissione di Raitre

Città segrete, Augias bocciato dai napoletani: “Camorra e malaffare, che c’entra con la cultura?”. La trasmissione che solitamente racconta le grandi città europee attraverso uno sguardo inedito, “con eleganza anima, umori e spirito”, nella puntata in onda su Raitre ieri sera, sabato 17 aprile, si è trasformata in una sorta di docufilm su Maradona e Cutolo, condita da un po’ di Masaniello.

Camorra, malaffare, rivoluzioni. Quasi tremila anni di storia ridotti ad una narrazione che tra un monumento e un aneddoto storico ha visto protagonisti i soliti luoghi comuni. È questo, in sintesi, il filo conduttore con cui Corrado Augias, già protagonista in questo senso in passato, ha legato i pregiudizi di ieri e di oggi in una soluzione continuativa confezionata per il servizio pubblico. E ovviamente ai napoletani non è piaciuto.

Sui social sono tanti gli utenti napoletani, e non solo, a protestare per la ricostruzione di Augias apparsa ben diversa da quelle dedicate ad altre Città in precedenza. “Pessimo #CittaSegrete su una #Napoli senza segreti (persino Pulcinella si sarà rivoltato nella tomba, ma chi si è sbizzarrito nei luoghi comuni chissà se capisce il nesso). Confusione cultura e cronaca. Nostalgia di @albertoangela, scrive un utente su Twitter.

E ancora: “Si parla più di Cutolo che di Maradona, più che di San Gennaro addirittura Ma perché?”. Oppure: “#augias è riuscito a fare il peggior documentario della storia a tema #Napoli Complimenti @RaiTre, uno schifo squallido senza paragoni”. “Un’altalena di luoghi comuni e buoni momenti. Augias quando parla del sud non riesce a brillare. #CittaSegrete”, si legge ancora.

E tra chi sottolinea il trattamento del servizio pubblico per cui “tutti, napoletani compresi, pagano il canone”, qualcuno ricorda ad Augias una delle parti mancanti: “Mi sono persa l’inizio, qualcuno mi sa dire se Augias ha spiegato come ha fatto Napoli, da CAPITALE EUROPEA, a diventare ultima in tutte le classifiche socio economiche in 160 anni? O ha detto le solite mink* su “o sole, pullecenella e a tarantella”? Senza polemica #CittaSegrete”.

Anche su Facebook la trasmissione di Augias ha ricevuto una sostanziosa dose di critiche. Sono tanti i post contro la ricostruzione soprattutto nei gruppi identitari. Anche la politica è intervenuta sulla debacle del giornalista. Alessandra Clemente, assessore del Comune di Napoli, sulla propria pagina Facebook, scrive: “Una puntata che ha deluso le mie aspettative e che non da merito, secondo me, all’immensa storia culturale della nostra città. Rai 3. Augias. Città Segrete. Mi farò sentire”.

Seguici anche su Facebook

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com