Home » Smettere di fumare, le donne fumano meno ma hanno più difficoltà per 3 motivi
Salute

Smettere di fumare, le donne fumano meno ma hanno più difficoltà per 3 motivi

Smettere di fumare, le donne fumano meno ma hanno più difficoltà per 3 motivi. Smettere di fumare è più difficile per le donne che per gli uomini. È quanto emerge da uno studio pubblicato da ricercatori francesi. Allo studio hanno partecipato più di 35.000 fumatori, uomini e donne, che hanno utilizzato diversi metodi per smettere di fumare, come prodotti sostitutivi della nicotina, sigarette elettroniche e sessioni di terapia individuale.

Il numero medio di sigarette fumate ogni giorno era 23 per le donne e 27 per gli uomini, ma il 55 per cento degli uomini è riuscito a smettere rispetto al 52 per cento delle donne. È interessante notare che circa il 56% delle donne aveva una grave dipendenza da nicotina rispetto al 60% degli uomini.

Smettere di fumare, le donne hanno più difficoltà degli uomini

Le donne che hanno cercato di smettere hanno trovato ‘l’impresa’ più difficile per tre motivi: tassi più elevati di obesità, depressione e ansia. Tre aspetti comparsi in percentuale decisamente minore negli uomini. “I risultati suggeriscono che nonostante fumino meno sigarette e siano meno dipendenti dalla nicotina rispetto agli uomini, le donne trovano più difficile smettere”, ha detto l’autrice dello studio Ingrid Allagbe, studentessa di dottorato presso l’Università della Borgogna, Digione, Francia.

“Possibili contributori potrebbero essere la maggiore prevalenza di ansia, depressione e sovrappeso o obesità tra le donne. È stato precedentemente riportato che le donne possono incontrare diversi ostacoli alla cessazione del fumo legati alla paura dell’aumento di peso, agli ormoni sessuali e all’umore. I nostri risultati evidenziano la necessità di fornire interventi per smettere di fumare su misura per le esigenze delle donne”, le parole dell’esperta riportate dal Daily Mail.

La ricerca viene presentata al Congresso ESC 2021 – il “raduno più atteso dell’anno di professionisti cardiovascolari” – che si svolge questo fine settimana. Ciò significa che deve ancora essere pubblicato come documento sottoposto a revisione paritaria.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Effetto pandemia sui giovani, in lockdown boom di fumatori: i numeri shock

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com