Home » Nasce il primo caffè creato in laboratorio: ha due cose in comune con quello naturale
Gusto News World

Nasce il primo caffè creato in laboratorio: ha due cose in comune con quello naturale

Nasce il primo caffè creato in laboratorio: ha 2 cose in comune con quello naturale. Un gruppo di scienziati finlandesi ha creato il primo caffè coltivato in laboratorio e geneticamente modificato, che ha due aspetti in comune con quello vero: odore e sapore. I ricercatori hanno utilizzato un processo chiamato ‘agricoltura cellulare’, che prevede l’estrazione di cellule da un piccolo campione vegetale o animale. Il procedimento era già stato utilizzato per creare carne e latte artificiali.

Il caffè artificiale è stato creato tramite estrazione di cellule da Arabica, una popolare pianta di caffè che rappresenta il 56% della produzione globale. I campioni cellulari sono stati poi trasferiti a bioreattori per produrre biomassa, che è stata raccolta per la torrefazione e la produzione della birra.

Con il caffè coltivato in laboratorio, i ricercatori affermano di poter affrontare i problemi di sostenibilità che l’industria globale deve affrontare. Come la necessità di liberare spazio per le piante di caffè per potersi adeguare alla domanda in continua crescita.

Come riporta il Daily Mail, a causa dell’elevata domanda di caffè in tutto il mondo, è necessaria più terra per produrre abbastanza chicchi che producono la gustosa bevanda. Un aspetto che porta alla deforestazione, in particolare nelle aree sensibili della foresta pluviale.

Dalla Finlandia il primo caffè creato in laboratorio

Il laboratorio finlandese ha sede a Espoo ed il dott. Heiko Rischer, capo della biotecnologia vegetale, ha dichiarato. “Il processo utilizza vere cellule vegetali del caffè. Inizialmente una coltura cellulare viene avviata da una parte della pianta, ad es. una foglia. Le cellule formate vengono propagate e moltiplicate su uno specifico mezzo nutritivo. Alla fine, le cellule vengono trasferite in un bioreattore da cui viene poi raccolta la biomassa. Le celle vengono essiccate e tostate e poi si può preparare il caffè”.

I primi lotti prodotti da VTT nel loro laboratorio hanno l’odore e il sapore del caffè convenzionale, secondo i risultati di un'”analisi sensoriale”. Dopo aver bevuto una tazza, il dottor Rischer ha detto che “c’è un aroma sorprendentemente pieno. L’esperienza di bere la prima tazza è stata emozionante”.

In Europa, il caffè coltivato in laboratorio dovrebbe essere approvato come “Novel Food” prima di essere commercializzato. Stesso discorso per gli Stati Uniti, in cui serve ‘approvazione normativa da parte della Food and Drug Administration (FDA) per essere commercializzato e venduto.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Bere caffè può salvare la vita: “Ogni tazzina riduce del 3% un rischio”. Lo studio

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com