Home » Rita Pavone: “Teddy Reno? Critiche feroci per la nostra storia, soprattutto per due motivi”
Gossip

Rita Pavone: “Teddy Reno? Critiche feroci per la nostra storia, soprattutto per due motivi”

Rita Pavone: “Teddy Reno? Critiche feroci per la nostra storia, soprattutto per due motivi”. Rita Pavone e Teddy Reno, la cantante rivela le critiche feroci ricevute per la relazione e di come reagì a quei tempi in barba a tutti i pregiudizi in una intervista a ‘Tv Sorrisi e Canzoni’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

«[…] In seconda elementare la maestra, senza neanche conoscermi, mi disse: “Pavone, tu non combinerai mai niente nella vita”».

Un duro colpo per una bambina…
«Davanti a offese e giudizi negativi io ho sempre fatto spallucce. L’autostima non mi è mai mancata e questo non significa essere presuntuosi, ma amarsi. Quante volte mi hanno preso in giro dandomi della “nana”? Beh, se essendo alta 1 metro e 53 centimetri ho venduto 50 milioni di dischi nel mondo, chissà quanti ne sarebbero stati se fossi 1 metro e 80! Senza contare che la nana ha sposato un bellissimo uomo…».

Fu criticata molto anche per la sua storia con Teddy Reno.
«Ero innamoratissima. Sapevo che se avessi perso quel treno, avrei perduto una parte di me. Ma gli attacchi furono feroci, per la differenza di età (lui ha 19 anni più di lei, ndr) e perché era stato sposato. E dal momento che era il mio manager, arrivarono a insinuare che la nostra storia fosse una messinscena per far parlare di me e vincere il “Cantagiro”. Neanche fosse stato l’Oscar (ride)».

Rita Pavone: “Teddy Reno? Critiche feroci per la nostra storia”

Come ha superato tutte le critiche?
«Devo dire grazie a Giulietta Masina. Eravamo sul set del film “Non stuzzicate la zanzara”. In una pausa stavo leggendo delle cose orrende su me e Teddy e lei mi sorprese mentre piangevo. Si avvicinò, prese il giornale e mi disse: “Domani questo servirà solo a incartare il pesce”. Giulietta mi ha fatto aprire gli occhi. Da quel momento me ne sono infiaschiata di tutto e di tutti. Ho fatto la scelta giusta. Ho dato e ricevuto un amore immenso e avuto una carriera stupenda».

Una carriera per cui deve tanto a Gian Burrasca.
«E pensare che non lo volevo fare. Avevo 19 anni, ero agli inizi, il mio sogno era cantare. Non sopportavo l’idea di essere cantante, attrice e pure… maschio!».

E torniamo alla paura del giudizio…
«Mi sembrava di rinunciare alla mia femminilità. Poi la regista Lina Wertmüller mi suggerì di studiare Katharine Hepburn in “Il diavolo è femmina”, dove si fa passare per un uomo. Ho avuto una fulminazione: recitare è solo indossare un abito e poi toglierlo. E così è nato Gian Burrasca, un ragazzino tutto pepe dentro il quale si nascondeva una Lolita pura, carica di ormoni: Rita!».

Seguici anche su Facebook

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com