Home » Alcolismo, scoperta sostanza che impedisce al cervello di desiderare più alcol: la novità
Salute

Alcolismo, scoperta sostanza che impedisce al cervello di desiderare più alcol: la novità

Alcolismo, scoperta sostanza che impedisce al cervello di desiderare più alcol: la novità. Gli scienziati sperano che il binge drinking (assunzione smodata di alcol, finalizzata a un rapido raggiungimento dell’ubriachezza) diventi un problema del passato dopo aver scoperto una sostanza chimica che potrebbe impedire al cervello di desiderare più alcol.

Si tratta del composto sintetico NBQX. Secondo i ricercatori, questa sostanza, se iniettata nella parte del cervello che provoca la dipendenza, può inibire i recettori. A stabilirlo sono stati gli esperti della Purdue University dell’Indiana, che hanno studiato gli effetti nei topi a cui è stato offerto alcol e acqua zuccherata per una settimana.

Ai topi è stato dato libero accesso a una bevanda contenente il 20% di alcol per sette giorni. I topi a cui è stato somministrato NBQX, hanno mostrato un comportamento moderato di consumo di alcol. L’NHS definisce il binge drinking come il consumo di più di otto unità per gli uomini in una singola sessione, circa due pinte e mezzo di birra. Sono sei unità per le donne, l’equivalente di due grandi bicchieri di vino.

Secondo gli esperti i risultati potrebbero offrire la speranza di un nuovo modo di trattare l’abuso di alcol in futuro. “Sebbene i benefici di questo farmaco nell’uomo debbano ancora essere mostrati, ha una nuova modalità d’azione sui recettori cerebrali solitamente associati all’alcol ritiro. Il ruolo crescente di questi recettori nella dipendenza significa che questo farmaco può essere promettente per il futuro trattamento della dipendenza da alcol negli esseri umani”, ha detto Tony Rao, esperto di abuso di alcol e borsista clinico in visita al King’s College di Londra, ai microfoni del Daily Mail.

Alcolismo: scoperta sostanza che impedisce al cervello di desiderare più alcol

Lo studio, pubblicato su Behavioural Brain Research, ha consentito ai topi di accedere all’alcol tramite un tubo per bere per due ore al giorno per una settimana. Gli scienziati hanno monitorato i livelli di consumo di alcol dei topi durante la settimana per ottenere una linea di base del loro consumo.

Il settimo giorno, hanno iniettato il farmaco in alcuni topi nello striatale dorsolaterale (DLS), la parte del cervello dove si formano abitudini, compulsioni e dipendenze. Quindi hanno ripetuto l’esperimento per vedere come il farmaco influenzasse il comportamento dei topi.

Hanno scoperto che le cavie a cui erano state somministrate dosi moderate (0,15 o 0,5 microgrammi) del farmaco, avevano livelli di binge drinking più bassi rispetto a quelli a cui non era stato somministrato alcun farmaco. L’effetto è stato in gran parte lo stesso nei topi maschi e femmine, ha affermato psicologo Dr Stephen Boehm, coordinatore dello studio.

Scrivendo nello studio, i ricercatori hanno affermato: “Questi dati suggeriscono che i recettori AMPA nel DLS svolgono un ruolo nella modulazione del consumo di alcol. I risultati confermano l’importanza del DLS per i comportamenti correlati all’alcol e il disturbo da consumo di alcol”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Didattica a distanza alunni aumenta consumo alcol nei genitori: la scoperta durante il lockdown

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com