Home » Una visita oculistica può prevedere l’infarto: la scoperta
Salute

Una visita oculistica può prevedere l’infarto: la scoperta

Una visita oculistica può prevedere l’infarto: la scoperta. In futuro, non troppo lontano, basterà una semplice visita oculistica non invasiva per prevedere il rischio di infarto. La scoperta arriva da uno studio presentato alla conferenza annuale della Società europea di genetica umana a Vienna.

I ricercatori hanno scoperto che la combinazione delle informazioni sui vasi sanguigni nella retina con i fattori clinici tradizionali, consente di identificare meglio il rischio di un attacco di cuore. Nella ricerca sono stati utilizzati i dati della biobanca britannica, che contiene le cartelle cliniche e sullo stile di vita di 500.000 persone, per calcolare una misura denominata “dimensione frattale”.

Come riporta ‘The Guardian’, i ricercatori hanno quindi inserito questa misura in un algoritmo che tenesse conto di fattori quali età, sesso, pressione sanguigna sistolica, indice di massa corporea e stato di fumatore, studiando le persone che secondo il database avevano subito un infarto – noto anche come infarto del miocardio o infarto miocardico – dopo che erano state raccolte le loro immagini retiniche.

Ana Villaplana-Velasco, dottoranda presso gli istituti Usher e Roslin dell’Università di Edimburgo e autrice della presentazione, ha dichiarato: «Sorprendentemente, abbiamo scoperto che il nostro modello è stato in grado di classificare meglio i partecipanti con rischio di infarto miocardico basso o alto nella biobanca britannica rispetto ai modelli consolidati che includono solo dati demografici. Il miglioramento del nostro modello è stato ancora maggiore quando abbiamo aggiunto un punteggio relativo alla propensione genetica allo sviluppo di infarto miocardico».

Secondo i ricercatori la loro analisi ha scoperto che esisteva una base genetica condivisa tra la dimensione frattale e l’infarto del miocardio. L’età media per un infarto è di 60 anni e hanno scoperto che il loro modello ha raggiunto le migliori prestazioni predittive più di cinque anni prima che si verificasse l’infarto. Sperano che, in futuro, un semplice esame della retina possa fornire informazioni sufficienti per identificare le persone a rischio.

Una visita oculistica può prevedere l’infarto

«Il calcolo di un rischio di infarto miocardico individualizzato rispetto a chi ha più di 50 anni sembrerebbe appropriato», ha affermato Villaplana-Velasco. «Questo consentirebbe ai medici di suggerire comportamenti che potrebbero ridurre il rischio, come smettere di fumare e mantenere normali il colesterolo e la pressione sanguigna».

I ricercatori ritengono che sia possibile che ogni condizione possa avere un profilo di variazione retinico unico e suggeriscono che i loro risultati potrebbero essere utili per identificare la propensione ad altre malattie. Villaplana-Velasco ha affermato che vorrebbe ripetere l’analisi separatamente tra maschi e femmine per indagare se un modello specifico per sesso per l’infarto produce una migliore classificazione del rischio.

Il professor Sir Nilesh Samani, direttore medico della British Heart Foundation, ha dichiarato: «Sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare che questo miglioramento delle previsioni è solido. Sarà inoltre necessario lavorare per comprendere la fattibilità di questo approccio e determinare il modo migliore per incorporare queste scansioni nella pratica clinica di routine».

Il dottor James Ware, cardiologo, lettore di medicina genomica all’Imperial College London e ricercatore del Medical Research Council, ha avvertito che la ricerca non era stata sottoposta a revisione paritaria e che l’abstract conteneva dettagli limitati, ma ha aggiunto: «È ben noto che la retina offre un’opportunità unica per visualizzare direttamente i vasi sanguigni e valutare la salute vascolare. Approcci come questo che utilizzano la visione artificiale e/o l’apprendimento automatico per rilevare sottili caratteristiche vascolari predittive della futura salute del cuore sembrano promettenti».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Napoli, scoperta nuova terapia: dieci bambini riacquistano la vista

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com