Home » Fenomeni paranormali, non tutti possono vederli: scoperta una differenza nel cervello
Curiosità Salute

Fenomeni paranormali, non tutti possono vederli: scoperta una differenza nel cervello

Fenomeni paranormali, non tutti possono vederli: scoperta una differenza nel cervello. Non tutti possono vedere i fenomeni paranormali, ci vuole un tipo specifico di cervello per sperimentare le anomalie. È l’ultima teoria formulart da alcuni scienziati, ma in realtà ci sono due punti di vista.

Da un lato, ricercatori specializzati in parapsicologia – lo studio psicologico del paranormale – hanno trascorso decenni a studiare se e come queste anomalie esistono in natura, al di fuori del corpo umano, e come alcune persone potrebbero essere più inclini a sperimentarle.

Più specificamente, vogliono sapere se alcune persone hanno “capacità” uniche che consentono loro, per esempio, di vedere fantasmi, spiriti e qualsiasi altra entità che potrebbe esistere al di fuori della persona che lo sta vivendo (cioè non nella sua mente).

Dall’altra parte, studiosi scettici del campo delle neuroscienze e della psicologia cognitiva hanno cercato di dimostrare che la questione riguarda il modo in cui alcune persone elaborano la realtà, soggettivamente, nel loro cervello. Alcuni di noi potrebbero essere semplicemente programmati per produrre queste esperienze nella mente, anche se potrebbero non essere reali.

È facile presumere che la parapsicologia ruoti attorno a fantasmi, forze sovrannaturali e maghi volanti, ma non è esattamente così. La parapsicologia, chiamata anche “psi”, è una branca accademica della psicologia studiata nelle università e nelle strutture di ricerca di tutto il mondo. Gli scienziati di questo campo ritengono che le ricerche accademiche, sperimentali, teoriche e analitiche dimostreranno che ciò che la scienza sa sulla natura dell’universo è in gran parte incompleto.

Fenomeni paranormali, le teorie sugli avvistamenti

«Ci sono dati e ricerche più che sufficienti a questo punto per affermare in modo affidabile che le stranezze della scienza tradizionale, in effetti, si verificano», ha detto Brian Laythe, direttore dell’Istituto per lo studio dell’esperienza religiosa e anomala e membro della Parapsychological Association. In effetti, c’è più di un secolo di ricerca peer-reviewed su questi argomenti.

Laythe ha affermato che è statisticamente improbabile che le centinaia di dottorandi che producono tali ricerche siano tutti fraudolenti o incompetenti. «La questione su cui non c’è accordo è il significato e l’interpretazione dei risultati, che in gran parte sono guidati dalla teologia e dalla filosofia, in contrasto con le questioni della scienza analitica».

Tuttavia, i critici sostengono che le procedure e i metodi della parapsicologia non sono in linea con rigorosi standard scientifici, i risultati sono semplicemente troppo fragili e, soprattutto, che molti di questi esperimenti non sono replicabili, il che rende impossibile convalidarli.

E c’è un altro grosso problema che persiste: non ci sono teorie valide a sostegno della maggior parte dei risultati. Alcune teorie sono basate sulla fisica, altre si concentrano sulla coscienza, ma i parapsicologi hanno difficoltà a finalizzare quali teorie spieghino tutto. Naturalmente, questo accade spesso in tutte le discipline scientifiche, osserva Laythe, ma gli scettici non sono d’accordo.

«Abbiamo bisogno di parapsicologia perché se esistessero veramente telepatia, chiaroveggenza, psicocinesi, precognizione, fantasmi, o una qualsiasi di queste cose, allora la scienza dovrebbe essere radicalmente rovesciata», dice Susan Blackmore, professoressa di psicologia all’Università di Plymouth e parapsicologa diventata scettica. «Sono contenta che ci siano altre persone che lo fanno. E poi, ovviamente, non sono terribilmente sorpresa. Non trovano riscontri affidabili. Né hanno alcuna teoria che funzioni. Non hanno risultati che contribuiscano a nessun tipo di progresso teorico. Quindi fanno sempre la stessa domanda».

Fenomeni paranormali, perché tutti possono vederli

C’è del valore nell’apprendimento e nella comprensione di come sono queste esperienze per le persone, ma questo non significa che non esista una spiegazione medica già esistente che possa giustificarle.

Questo è quello che Michiel Van Elk, professore di psicologia cognitiva all’Università di Leiden, nei Paesi Bassi, sta provando a dimostrare. Il professore, che si definisce un “umile scettico”, ha un laboratorio in cui studia le differenze cognitive che crede siano alla base dell’esperienza con il paranormale. Secondo la sua ricerca, chi crede nel paranormale è più incline a fidarsi del proprio intuito e delle proprie emozioni e meno propenso alla riflessione analitica e potrebbe avere una propensione a vedere forme e oggetti quando non ce ne sono.

«Abbiamo identificato che chi crede nel paranormale ha un pregiudizio di autoattribuzione più forte: immaginando di dover indovinare un certo numero di carte, chi crede nel paranormale si prenderà il merito di risultati in realtà casuali più spesso dello scettico», ha sppiegato Van Elk. «Questi risultati si adattano alla visione più ampia secondo cui chi crede nel paranormale è incline a una serie di pregiudizi cognitivi, ma allo stesso tempo, che questi pregiudizi potrebbero benissimo essere adattivi per promuovere la salute mentale e l’autostima».

Charlotte Dean, ricercatrice presso il dipartimento di psicologia dell’Università dell’Hertfordshire nel Regno Unito, ha recentemente pubblicato una meta-analisi di 71 studi che negli ultimi tre decenni hanno esplorato i collegamenti tra la fede nei fenomeni paranormali e la funzione cognitiva. La maggior parte dei risultati è in linea con l’ipotesi che l’esperienza dell’attività paranormale sia collegata a tratti cognitivi specifici, ha detto Dean a The Daily Beast.

«I credenti sono tipicamente caratterizzati da uno stile di pensiero intuitivo, un tipo di sensazione viscerale. E la seguono per cercare di spiegare qualcosa che altrimenti non potrebbero spiegare», ha detto Dean. «Mentre le persone scettiche sul paranormale tendono ad essere più analitiche. Quindi passano attraverso ogni modo diverso di risolvere un problema prima di giungere a una conclusione. E ci riferiamo a questo come a una sorta di “flessibilità cognitiva”».

Fenomeni paranormali, non tutti possono vederli: ecco perché

Secondo Dean, tuttavia, una ricerca come questa non è in completa dissonanza con il campo della parapsicologia. I parapsicologi tendono ad essere d’accordo, in una certa misura. Certo, alcune persone sono più inclini a esperienze paranormali e i tratti, le convinzioni e gli ambienti socio-culturali legati alla neurologia facilitano questa esperienza. Ma dicono anche che non è del tutto corretto dire che solo i tratti cognitivi o la neurologia siano responsabili dell’esperienza paranormale.

Secondo Christine Simmonds-Moore, parapsicologa dell’Università della Georgia occidentale, tra la popolazione è distribuita una propensione alle esperienze paranormali. Ma questo non esclude l’esistenza di anomalie. Ad esempio, la ricerca parapsicologica ha dimostrato che il concetto di transliminalità, una sottile struttura di confine tra il conscio, l’inconscio e l’ambiente, è un forte predittore di esperienze inquietanti perché consente alle persone di accedere a esperienze paranormali.

«Ci sono alcune prove che le persone che hanno più esperienze paranormali hanno una maggiore comunicazione tra gli emisferi [del cervello], ad esempio, e un maggiore potenziale di diafonia», ha detto Simmonds-Moore a The Daily Beast. «C’è più permeabilità tra le aree della mente, tra le persone e l’ambiente e gli altri esseri sociali, e tra le informazioni potenzialmente paranormali» e quelle che sono al di fuori del cervello umano che ne fanno esperienza.

Sostiene che diverse strutture della scienza potrebbero essere applicate per esaminare la stessa cosa, e talvolta entrambe le teorie potrebbero essere vere. «Apprezzo le idee che suggeriscono che la realtà potrebbe essere sia fisica che mentale e che potrebbe esserci un terzo aspetto che contribuisce ad entrambe», ha detto Simmonds-Moore. Pensa che la ricerca dovrebbe esplorare le esperienze paranormali sia usando la psicologia cognitiva, sia la parapsicologia. «A volte, potrebbe esserci un po’ di entrambi, normale e paranormale, in corso», ha detto Simmonds-Moore. «La realtà è complessa» (fonte Daily Beast).

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Guida il Tir col controller della playstation: la trovata del camionista smart – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com