Home » Todaro attacca Milly Carlucci: “Vuole il controllo su tutto, quasi ti dice che mutande mettere”
Gossip

Todaro attacca Milly Carlucci: “Vuole il controllo su tutto, quasi ti dice che mutande mettere”

Raimondo Todaro attacca Milly Carlucci: “Vuole il controllo su tutto, quasi ti dice che mutande mettere”. Ospite di Un caffè con, il format di Lorella Cuccarini che con lui ha condiviso l’esperienza di Amici nell’ultima edizione, il ballerino tra le altre cose ha parlato anche del rapporto con Milly Carlucci.

Todaro, ricordiamo, ha preso parte a Ballando con le stelle per diverse stagioni. E quando ha deciso di chiudere quell’avventura per traslocare ad Amici il suo rapporto con la Carlucci ne ha risentito. “Milly mi ha cresciuto, non posso non avere un bel ricordo, tutto quello che so fare lo devo a lei, a Ballando. Per me è stata come una madre. Quando abbiamo chiuso i rapporti non li abbiamo chiusi benissimo, di questo mi dispiace. Però io sono con la coscienza a postissimo, so che lei sa, quindi mi basta quello”, ha detto.

Quindi il prof. di ballo ha parlato dei punti in comune e delle differenze tra Milly Carlucci e Maria De Filippi: “Milly è come Maria, sono stacanoviste […] Hanno in comune la passione per il lavoro che fanno. Lo farebbero pure gratis. Si vede proprio. La differenza sostanziale è che Milly è una che vuole avere il controllo su tutto. Passa in sala parrucco a vedere i capelli di tutti e quasi quasi ti dice che mutande metterti. Mentre Maria ti dà molta carta bianca. Non è mai venuta a dirmi ‘fai così’. C’è anche da dire che Maria fa tanti programmi contemporaneamente quindi non potrebbe neanche volendo. Mentre Milly si concentra solo su quello”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Sangiovanni: “Generazione Z? Noi fluidi e liberi ma un aspetto mi spaventa. Mi dissocio da certe dinamiche”

Isoardi: “Nuovo programma? Lo descrivo in tre parole. Lontana dalla Tv è stata dura. Flirt? Sono sola”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com