Home » Abatantuono: “Non voglio bene a tutti i film che ho fatto. Milan? Non amo una banca. E sulla satira politica…”
Spettacolo

Abatantuono: “Non voglio bene a tutti i film che ho fatto. Milan? Non amo una banca. E sulla satira politica…”

L’attore Diego Abatantuono parla dei propri film e non solo nel suo intervento nel corso del format “I Lunatici”, in onda su Rai Radio2

Diego Abatantuono: “Non voglio bene a tutti i film che ho fatto. Milan? Non amo una banca. E sulla satira politica…”. L’attore è intervenuto ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format “I Lunatici”, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta dal lunedì al venerdì dalla mezzanotte e trenta alle sei del mattino.

Sulla satira politica: “Io non ho quasi mai fatto satira politica, ma una volta i politici erano più seriosi, si prestavano di più alla presa in giro. Oggi sono molto divertenti, anche loro malgrado. L’asticella per fare satira è sempre più alta. Crozza è uno dei pochi che riesce a fare ancora satira”.

Sul Milan: “Non ho mai smesso di tifarlo, avevo fatto una provocazione dicendo che mi mettevo a tifare Atalanta, volevo mandare un messaggio. Posso avere una squadra e tifarla se ha una struttura societaria. Se tu hai un fondo, hai una banca. La banca è senz’anima. Non conosco nessuno che sia innamorato di una banca, a parte quelli che hanno il grano vero. Ho detto Atalanta perché mi sembrava l’immagine più facile da evocare”.

Diego Abatantuono: “Film? In alcuni ho fatto molta fatica”

Sul cinema e i film interpretati: “Non voglio bene a tutti i film che ho fatto. In alcuni ho fatto molta fatica e mi sono rotto le scatole mentre giravamo. Però percentualmente sono sempre stato bene sul set. Non sono d’accordo con chi dice che sul set si deve soffrire. Io voglio star bene, ho una carriera che dura da 45 anni, mi piace star bene, divertirmi, anche quando lavoro. Per me il set è un bel posto. Possono capitare disagi, dovuti alla location, al tempo, al fatto che si lavora molto di notte. Ad esempio in Mediterraneo, fu meraviglioso stare in un’isola, con mare stupendo, in compagnia di gente di qualità”.

Sull’eventualità di fare un terzo capitolo di ‘Regalo di Natale’: “Ho visto qualche settimana fa il secondo, mi è piaciuto tantissimo. Bisognerebbe chiedere a Pupi Avati. Spero che lo voglia fare, con lui lavoro molto volentieri, è una persona che ha un grande senso dell’umorismo, ci divertiamo, ridiamo, stiamo bene, non vedo l’ora che rifaccia una commedia anche brillante. Io amo sia i film drammatici che quelli comici, ma quelli comici brillanti mentre li fai c’è un clima molto piacevole. Siccome in questo periodo c’è poco da ridere, se ci divertiamo anche noi mentre facciamo un film non c’è niente di male. Il virus nato in Cina mi mette ansia. Noi italiani siamo molto fortunati, ma il mondo è vicino, sempre di più. Bisogna stare molto in campana. Quindi se mi diverto un po’ almeno mentre si lavora, sono ben contento”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Ultima ora:
Ronaldo non gioca come ‘promesso’: tifosi fanno causa e vincono

Sanremo 2020, Al Bano perde equilibrio e rischia di cadere per le scale – VIDEO

Sanremo 2020, Serena Grandi attacca Diletta Leotta: “Ci mancava, cosa penso del monologo”

Direttore comunità per minori acquistava droga dello stupro: arrestato anche per abusi

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com