Home » No mask condannato a 10 anni di carcere: la sentenza “esemplare”
Cronaca World

No mask condannato a 10 anni di carcere: la sentenza “esemplare”

No mask condannato a 10 anni di carcere: la sentenza “esemplare”. È accaduto a Des Moines, nello Stato americano dell’Iowa, a novembre dello scorso anno. Nel pieno della pandemia, un uomo ha consigliato di indossare la mascherina durante lo shopping ad un cliente diun negozio di occhiali. Ma quest’ultimo non l’ha preso affatto bene.

Quindi insegue l’uomo nel parcheggio, lo spinge a terra, gli cava un occhio e per finire gli tossisce e gli sputa in faccia. Subito denunciato dal malcapitato, ora arriva la sentenza: per Shane Wayne Michael, 42 anni: condannato a dieci anni di carcere.

Stando a quanto si apprende, il 42enne si è infuriato dopo che un uomo gli ha chiesto di tirarsi su la mascherin. Secondo la stampa locale, la vittima ha detto che è stato prima rincorso e picchiato brutalmente e poi l’uomo gli ha tirato giù la mascherina e ha iniziato a tossire e sputargli in faccia urlando “se ce l’ho io, ce l’hai anche tu!”, riferendosi al Covid.

No mask condannato: sentenza esemplare

Micheal si difende affermando di aver agito per legittima difesa perché era stato morso a un dito, ma la sua condotta è stata duramente punita: dieci anni di carcere per lesioni dolose, aggravate dalle gravi lesioni corporali.

Una sentenza “esemplare” che arriva nel pieno di continui incidenti e arresti in luoghi come banche, negozi e seggi elettorali, proprio peri l’uso della mascherina. Un atteggiamento denunciato anche dalle compagnie aeree americane.

La Federal Aviation Administration ha infatti segnalato un aumento senza precedenti del pessimo comportamento dei passeggeri indisciplinati che non avrebbero rispettato il mandato federale di indossare il dispositivo di protezione.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina

Leggi anche:
Sgozza l’ex compagna davanti al figlio di due anni: femminicidio a Castelnuovo Magra

Eriksen, il medico che gli ha salvato la vita: “Non respirava più, decisivi due aspetti”

Ipovedente a scuola: tutta la classe impara a leggere e scrivere in braille per solidarietà

Tags
Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com