Home » Salvatore Esposito: “Addio Genny come la fine di un matrimonio. Ora vorrei interpretare un personaggio”
Spettacolo

Salvatore Esposito: “Addio Genny come la fine di un matrimonio. Ora vorrei interpretare un personaggio”

Salvatore Esposito: “Addio Genny come la fine di un matrimonio. Ora vorrei interpretare un personaggio”. L’attore napoletano parla della fine della serie Gomorra, e non solo, in una intervista a ‘Il Giornale’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

A novembre vedremo su Sky l’ultima stagione di Gomorra. Come si è sentito a lasciare il suo personaggio di Genny Savastano dopo tanto tempo?
“L’ho vissuto come la fine di un matrimonio, perché comunque era una storia che durava da sette anni. Genny è un personaggio che mi ha dato tanto, e lasciarlo ha creato in me un misto di emozioni. Da una parte la gioia di aver concluso un percorso e averne aperti altri, dall’altra anche tanta tristezza per questa separazione”.

È soddisfatto dei successi della sua carriera?
“Dieci anni fa quando ero solo un giovane ragazzo che studiava recitazione, neanche nelle mie più rosee aspettative avrei immaginato quello che poi è successo. Tutti i miei sogni più grandi sono stati superati dalla realtà. Mi chiedo a volte cosa mi riserverà la vita nei prossimi dieci anni. Tutte le cose incredibili che ho fatto, da Gomorra ai due libri che ho scritto, ai film, per me erano inimmaginabili”.

Dopo la scrittura, ci sono anche altre cose che le piacerebbe fare, mi viene in mente, ad esempio, la regia…
“Per adesso non sento questa esigenza. Io non trovo lo step attore che poi diventa regista automatico. Secondo me per fare il regista devi avere una predisposizione, un talento. Ci vuole sensibilità e organizzazione che non sempre si ha. Per adesso sto imparando a fare l’attore, poi vediamo cosa succede”.

C’è un personaggio che le piacerebbe interpretare?
“Quello di un supereroe”.

Salvatore Esposito: “Addio Genny come la fine di un matrimonio”

Con quali superpoteri?
“Quelli di proteggere i più deboli dai malfattori e dalle ingiustizie. Fin da ragazzo ho odiato i soprusi e chi cercava di far valere il proprio potere sugli altri. Ho sempre difeso chi non poteva farlo, e mi piacerebbe portare questa parte di me all’interno di un progetto”.

[…] Ha nuovi progetti in cantiere?
“Quello che sto girando ora si chiama L’ultima cena. Un’opera prima diretta da Davide Minnelli e prodotta da Lucisano. Sono il protagonista insieme a Greta Scarano. Si tratta di una commedia brillante che racconta l’importanza delle scelte e di quando poi nella vita l’amore può farti cambiare. Tutto questo sullo sfondo della ristorazione. L’altro invece è una commedia più pura, diretta da Andrea Porporati ed è prodotta da 11 Marzo. Sarà molto divertente. Di questo, però, posso dire ancora poco”.

Si allontana un po’ dai personaggi alla Savastano?
“Non vivo con la paura o con il dovere di dovermi allontanare dai miei personaggi. Scelgo le storie in base ai progetti e alle possibilità artistiche che mi danno. Poi se mi avvicino o mi allontano non è un problema che mi pongo. La costruzione dei personaggi è sempre la stessa e non cambia in base al fatto che i progetti siano drammatici o comici. Devi sempre creare il personaggio, lo devi costruire portare avanti e seguire. Cambia solo il mondo che lo circonda e che lo rende più duro, dolce, simpatico o energico”.

Lei si ispira agli animali per prepararsi ad interpretare i personaggi. A che animale ha pensato per Genny Savastano?
“Genny è stato tanti animali. Questo è un metodo che proviene dalla scuola Stanislavskij e Strasberg, dove parti dal pensiero di un animale, per arrivare a costruire un personaggio. È una cosa che fanno in molti perché ci sono tanti animali in natura che raccontano attraverso la loro postura e il loro modo di muoversi, cacciare e scappare, la loro vita. Proprio come noi esseri umani, per questo si parte spesso da loro. Genny è stato veramente tanti animali, e soprattutto chissà quale animale sarà in questa quinta ed ultima stagione che vedremo a novembre”.

Seguici anche su Facebook

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com