Home » Scoperta la cura per l’eiaculazione precoce: paziente passa da 40 secondi a 5 minuti di durata
Benessere Salute

Scoperta la cura per l’eiaculazione precoce: paziente passa da 40 secondi a 5 minuti di durata

Scoperta la cura per l’eiaculazione precoce: paziente passa da 40 secondi a 5 minuti di durata. Piccole scariche elettriche nel pene potrebbero combattere l’eiaculazione precoce, affermano i medici. Un uomo che ha subito la terapia è stato in grado di durare circa sette volte di più a letto. Il trattamento ha comportato l’inserimento di elettrodi sul suo pene per 30 minuti alla volta, tre volte alla settimana.

L’esperimento in Libano, dove i medici hanno curato un uomo che prima di chiedere aiuto aveva una durata a letto di circa 40 secondi. Sei mesi dopo aver completato il trattamento, è stato in grado di dare piacere alla sua ragazza per quasi cinque minuti prima di raggiungere l’orgasmo. I medici con sede a Beirut hanno chiesto studi per determinare se il dispositivo può essere implementato come trattamento sicuro e senza farmaci per più pazienti.

Gli urologi dell’Università libanese hanno raccontato il caso del paziente di 28 anni, per il quale i farmaci non hanno aiutato. Il paziente aveva una relazione con la sua ragazza da un anno, hanno scritto i medici sull’Asian Journal of Urology. Facevano sesso almeno due volte a settimana e lui raggiungeva l’orgasmo dopo soli 40 secondi “in quasi tutte le occasioni”.

Il dottor Mohamad Moussa e colleghi hanno provato a far passare una corrente elettrica attraverso il suo pene. Speravano che stimolasse il suo nervo penieno dorsale, uno dei nervi che raccoglie informazioni sul movimento e sulla sensazione dal pene. Ogni volta che l’uomo si sottoponeva alla terapia di zapping, aveva due elettrodi posizionati sulla superficie del suo pene.

Scoperta la cura per l’eiaculazione precoce

Uno è stato posizionato nella parte inferiore del suo membro, mentre l’altro era seduto a circa 2 cm più in alto. Nel corso di sei mesi, ha subito tre sessioni di 30 minuti ogni settimana, in cui è stato esposto a una corrente continua. I medici non hanno detto se il trattamento fosse doloroso, ma studi su dispositivi simili hanno affermato che possono essere utilizzati “senza disagio”.

L’uomo ha usato un cronometro durante il sesso per misurare il suo tempo di latenza dell’eiaculazione intravaginale (IELT), il tempo dalla penetrazione vaginale all’eiaculazione. Prima del trattamento, la sua durata era di 40 secondi. Ma alla fine dei sei mesi di prova, è balzato a circa tre minuti e 54 secondi di media.

E la durata ha continuato ad aumentare anche dopo che ha smesso di usare il dispositivo, raggiungendo una media di cinque minuti 14 mesi dopo. I medici ritengono che la stimolazione del nervo dorsale interferisca con i muscoli e fermi la contrazione altrettanto rapidamente.

La procedura non è invasiva e saranno effettuati ulteriori studi per determinare se può essere utilizzata come trattamento sicuro e senza farmaci per l’eiaculazione precoce, un problema che affligge circa il 30% degli uomini. Lo riporta il Daily Mail.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Dai denti da latte la cura per l’impotenza: la scoperta

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com