Home » Pesci positivi agli antidepressivi, scoperta zona come farmacia: acqua con antibiotici e antidolorifici
News World

Pesci positivi agli antidepressivi, scoperta zona come farmacia: acqua con antibiotici e antidolorifici

Pesci positivi agli antidepressivi, scoperta zona come farmacia: acqua con antibiotici e antidolorifici. In un tratto di mare al largo della costa della Florida, negli Stati Uniti, i pesci risultano positivi agli antidepressivi, ai farmaci per la prostata, agli antibiotici e agli antidolorifici. Si tratta di un lembo dove le acque reflue umane convergono verso il mare.

Come riporta il Daily Mail, i ricercatori della Florida International University e del Bonefish and Tarpon Trust – un’organizzazione no-profit con sede a Miami e focalizzata sulla conservazione del bonefish e del tarpon – hanno studiato i due tipi di pesci trovati nella baia di Biscayne e nelle Florida Keys dal 2018.

Hanno raccolto campioni di sangue e tessuti da 93 esemplari nella zona e hanno scoperto che ognuno aveva una media di sette farmaci nel sistema, inclusi antidepressivi, farmaci per la pressione sanguigna, farmaci per il trattamento della prostata, antibiotici e antidolorifici.

Un pesce aveva anche un totale di 17 farmaci diversi nei suoi tessuti. Lo studio ha scoperto prodotti farmaceutici anche nelle prede dei pesci, inclusi granchi e gamberetti. Questi farmaci possono influenzare ogni aspetto della vita dei pesci, comprese le loro abitudini alimentari, la socialità e il comportamento migratorio, minacciandone la sopravvivenza.

Pesci positivi agli antidepressivi: la scoperta al largo della Florida

“Sì tratta fi risultati davvero allarmanti. I prodotti farmaceutici rappresentano una minaccia invisibile, a differenza delle fioriture algali o delle acque torbide. È una forte minaccia per la nostra pesca ed evidenziano la necessità urgente di affrontare i nostri problemi di lunga data relativi alle infrastrutture delle acque reflue”, dice Jennifer Rehaga, ecologista costiera e ittica e professoressa associata presso l’università.

Lo studio arriva appena tre anni dopo che uno studio simile in Australia ha scoperto che la fluoxetina. Parliamo dell’ingrediente principale dell’antidepressivo Prozac. Interrompe il comportamento di foraggiamento di una specie di pesce zanzara d’acqua dolce, la Gambusia holbrooki – che si trova nei corsi d’acqua sia negli Stati Uniti che in Australia .

I ricercatori hanno scoperto che l’esposizione sia dei singoli pesci che dei loro gruppi sociali – chiamati “secchi” – a diversi livelli di fluoxetina non ha avuto alcun effetto apparente sui pesci solitari.

Ma come gruppo, secondo lo studio pubblicato sulla rivista Biology Letters nel 2019, i pesci zanzara rilassavano il loro comportamento di caccia e mangiavano meno cibo in generale quando esposti ad alti livelli del farmaco, che rimane attivo anche a basse dosi e può essere rilasciato costantemente.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Meteo, torna il gran caldo sull’Italia: picchi altissimi soprattutto su alcune zone

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com