Home » Rita Rusic: “Divorzio? Cecchi Gori era andato a causa dei vizi. Oggi la mia sfida è soprattutto una”
Gossip

Rita Rusic: “Divorzio? Cecchi Gori era andato a causa dei vizi. Oggi la mia sfida è soprattutto una”

Rita Rusic: “Divorzio? Cecchi Gori era andato a causa dei vizi. Oggi la mia sfida è soprattutto una”. Rita Rusic sul divorzio con Cecchi Gori è non solo, la produttrice cinematografica si racconta rivelando alcuni retroscena della sua vita in una intervista a ‘Il Messaggero’. Ve ne proponiamo alcuni passaggi.

[…] estati memorabili quali sono state?
«Mi viene in mente quella del 1999, in barca in Sardegna, quando da direttore artistico di Telemontecarlo 2 – la tv che avevamo appena acquistato – mi misi a vedere le videocassette di decine di serie. Rimasi fulminata da Sex and the city, che acquistai subito. Quella del 1997 sul set del film La vita è bella di Benigni, o del 1996 quando decisi di produrre Il ciclone di Pieraccioni. E poi mi ricordo anche la prima estate da separata, nel 2000, a Sabaudia. Fu una scelta dolorosa per tutti, a cominciare dai bambini. Per me fu anche la perdita di tutto il resto».

Che intende dire?
«In pochi giorni fui tagliata fuori da ogni affare del Gruppo Cecchi Gori. In azienda non mi fecero entrare neanche per prendere le mie cose. Il telefono, che prima squillava senza sosta, si ammutolì. Sparirono tutti. Vittorio mi aveva fatto il vuoto intorno».

È vero che lei propose a suo marito di continuare a lavorare insieme?
«Sì. Gli dissi la verità: Insieme valiamo per tre, da soli mezzo. Siamo troppo fragili e facilmente attaccabili. Non mi ascoltò e mi fece la guerra. Ormai con la testa, e i vizi, era andato».

Quali vizi? La cocaina?
«I vizi».

Lei oggi quanto vale?
«Adesso, dopo tutto quello che è successo in questi anni, il mio valore è uno».

Oggi a che punto si trova?
«Ho tantissima voglia di fare. Sono rientrata in Italia, dopo aver passato dieci anni a Miami, quando è scoppiato il Covid, e per il cinema è iniziata una crisi epocale: la gente non va più nelle sale e si sono imposte le piattaforme. Con loro non c’è confronto».

Rita Rusic: “Divorzio? Cecchi Gori era andato a causa dei vizi”

Nelle sale non ci crede più?
«Spero si rimetta in moto tutto, ma la vedo malissimo».

Per far ripartire il sistema non si potrebbe tagliare il costo del biglietto?
«Forse. Ma si riuscirebbe a guadagnare e a stare in piedi lo stesso? Queste sono decisioni da prendere con la politica, non da soli».

Lei come si sta organizzando per tornare a produrre?
«Sto cercando nuove storie, due le ho già trovate, e nuovi artisti, anche comici. E poi mi sto concentrando su artisti già noti in Italia che hanno i numeri per sfondare all’estero, un po’ come feci con Roberto Benigni. La mia sfida oggi è questa».

Ci mette i suoi soldi o, da ex milionaria, si allea con qualcuno?
«Dipende. Non essendo ricca, visto che ho divorziato a zero lire, più di tanto non potrei».

Non ha guadagnato tantissimo?
«Non io. Oggi a Roma vivo in affitto. Detto questo, per i progetti giusti i soldi si trovano. In finanza, per esempio. Lo Stato, però, deve aiutare il cinema».

[…] La storia della sua vita – dal campo profughi istriani a oggi – ha mai pensato di raccontarla?
«Spesso. Ha tutto per essere un gran film, ma per i miei figli non sarebbe tanto divertente. Questo mi ha frenato».

Oggi che cosa fanno?
«Vittoria vive e lavora a Miami, Mario a Roma. Lui si sta avvicinando al mondo del cinema».

Rita Rusic: “Oggi la mia sfida è soprattutto una”

Sta dicendo che una nuova generazione di Cecchi Gori è pronta a tornare in pista?
«Sì. C’è il desiderio di misurarsi. C’è un Cecchi Gori che vuole andare avanti, forse due».

Anche sua figlia?
«Fra poco si saprà tutto. Di sicuro hanno i numeri per poter fare tanto e bene. Li ho cresciuti a pane e cinema».

La cazzata della vita qual è stata?
«Non saprei. Non sono il tipo da o la va o la spacca, ho sempre pensato e ripensato a quello che facevo, e raramente mi sono buttata».

Quando l’ha fatto?
«Io non ho vissuto l’adolescenza, così me la sono ripresa più avanti, a 40 anni. A quell’età a Miami ho fatto quello che volevo».

Tipo?
«Ero passata da un fidanzato a un marito, cosa avevo vissuto e capito? Ho fatto i miei esperimenti. Stavo fuori tutte le notti, ballavo sul cubo fino all’alba, rientravo alle sette… Me la sono follemente spassata».

Sul profilo Instagram pubblica suoi video molto sensuali: non teme il ridicolo?
«No. Perché un po’ mi ci sento, ridicola, e la cosa mi fa ridere. Sono pur sempre una donna slava e il bon ton non mi appartiene. Non vengo da una famiglia sofisticata, non ho studiato nei grandi collegi… Arrivo da un altro mondo, dove ho dovuto sgomitare e darmi da fare subito. Su Instagram metto cavolate da sfacciata, quale sono oggi, in contrasto con la ragazzina spaventata che ero. Mi piace giocare. Sono una donna libera».

[…] Vittorio Cecchi Gori, il suo ex marito, come sta?
«È partito per le vacanze con una leggera insufficienza respiratoria, ma sta bene. La notte dorme con l’ossigeno, ma è felice come un bimbo. E anch’ io. È una bella sorpresa. Il peggio sembra passato».

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com