Home » Eccezionale scoperta a Saqqara, sarcofago di granito rosa di 3.300 anni: “È il sogno di ogni archeologo”
Cultura

Eccezionale scoperta a Saqqara, sarcofago di granito rosa di 3.300 anni: “È il sogno di ogni archeologo”

Eccezionale scoperta a Saqqara, sarcofago di granito rosa di 3.300 anni: “È il sogno di ogni archeologo”. Nella celebre città egiziana di Saqqara, a sud del Cairo, è stato scoperto un sarcofago di in granito rosa realizzato 3.300 anni fa. La tomba apparteneva a Ptah-em-wia, un importante funzionario amministrativo attivo durante il regno di Ramses II, secondo il Ministro del Turismo e dell’Antichità egiziane. Il ritrovamento è stato definito come una “il sogno di ogni archeologo”.

Il sepolcro presenta scritte su tutti i lati con emblemi, geroglifici e titoli. La lapide è stata trovata in ottime condizioni, mentre il sarcofago era 7 metri sotto terra. Il professor Ola El Aguizy, che ha scoperto il sarcofago, spera che farà luce su chi ha governato l’Egitto dopo Tutankhamon. ”I geroglifici sul sarcofago certificano che si tratta di Ptah-em-wia e anche i titoli citati sul sarcofago sono gli stessi che si trovano sulle pareti della tomba stessa”, ha detto l’archeologo dell’Università del Cairo.

Il sarcofago, scoperto l’anno scorso, è stato svelato per la prima volta nel corso della quarta serie di Lost Treasures of Egypt, presentata in anteprima domenica su National Geographic. L’importanza di Ptah-em-wia e del ruolo che occupava, lo si evince dalla collocazione geografica della tomba. Secondo Nevine El-Aref, quella specifica zona era riservata a importanti funzionari del Nuovo Regno. Non a caso, l’uomo condivideva lo stesso “cimitero” del comandante militare Eurkhi e il sovrano Ptah-Mas.

Egitto, scoperta a Saqqara la tomba di Ptah-em-wia

Gli archeologi hanno dovuto spostare diverse tonnellate di sabbia per creare un pozzo da utilizzare per raggiungere il primo livello del sepolcro, che si trova vicino alla piramide del re Unas. La tomba aveva una piccola cavità nel pavimento che nascondeva un secondo pozzo, dal quale la squadra è scesa. Nel secondo livello sotterraneo c’era la camera funeraria, il luogo dove giaceva il sarcofago.

La bara mostra un registro con tutti i suoi titoli, inclusi Gran Soprintendente del Bestiame e Scriba Reale. Inoltre ha guidato il tesoro del faraone egiziano re Ramses II nell’era successiva alla morte di Tutankhamon.tomba in cui è stato trovato il suo sarcofago. Sebbene sia stato trovato in buone condizioni, una parte del coperchio è stata rotta ed è stata lasciata in un angolo della stanza, da precedenti saccheggi da parte di ladri di tombe. Secondo gli archeologi è stato lo stesso Ptah-em-wia a far costruire la tomba in cui è stato trovato il suo sarcofago.

Questi ritrovamenti aprono “una finestra su un periodo tardo nella storia dell’antico Egitto, quando Saqqara era al centro di una rinascita nazionale della cultura faraonica e attirava visitatori da tutto il mondo. Il sito è pieno di contraddizioni, che intrecciano passato e futuro, spiritualità ed economia”, ha scritto Jo Marchant per la rivista Smithsonian l’anno scorso.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui 

Leggi anche:
Egitto, scoperta la città d’oro perduta: “La più importante dopo Tutankhamon” – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com