Home » Parla con sé stessa da bambina: l’incredibile trovata di una ragazza
Curiosità Tecnologia

Parla con sé stessa da bambina: l’incredibile trovata di una ragazza

Parla con sé stessa da bambina: l’incredibile trovata di una ragazza. Cosa diremmo a noi stessi bambini se avessimo la possibilità di parlarci? C’è qualcuno che ci è riuscito. E non stiamo parlando di una scenda del film ‘Ritorno al Futuro’. Una donna ha avuto un’idea a dir poco particolare: ha creato un chatbot di intelligenza artificiale di sé stessa da bambina, nutrendo il sistema cin le nozioni tratte da un diario scritto quando era poco più che una bambina.

Ebbene il chtbot ha preso vita, o meglio, ha riprodotto esattamente quanto gli era stato indicato. Michelle Huang, questo il nome della protagonista della vicenda, ha utilizzato materiale sorgente da 10 anni di voci e lo ha combinato con il modello di linguaggio OpenAI Generative Pre-addestrato Transformer 3 (GPT-3). Questo sistema di intelligenza artificiale “può dialogare in tempo reale” con la “bambina che c’è in me”, ha scritto su Twitter.

“Nel complesso è stata un’esperienza molto stravagante, ma anche stranamente affermativa/curativa a cui non mi ero resa conto di avere accesso a dati reali del mio io passato. Questo mi ha permesso di connettermi con lei in modi più profondi e più tangibili di quelli che ho in genere”, ha aggiunto. La giovane ha trascritto innumerevoli passaggi dal suo diario di quando era bambina e le ha inserite nel modello. Il risultato è stato sorprendente, ha ricevuto risposte funzionanti “che sembravano stranamente simili a come penso che avrei risposto in quel periodo”.

La ragazza ha detto di aver chiesto a sé stessa più giovane della sua visione del mondo, prima di consentire al chatbot di rispondere con le sue stesse domande. “Questa specifica interazione sembrava molto simile a una normale conversazione di messaggi di testo – come se stessi inviando messaggi al mio io passato in tempo reale, mi sentivo come se stessi raggiungendo un portale temporale, camuffato da una chat”, ha scritto.

Parla con sé stessa da bambina: l’incredibile chatbot

“Sono stata anche sorpresa dalla precisione con cui il modello ha predetto il mio attuale interesse dichiarato (dopo molte iterazioni/prove ed errori) da voci di diario vecchie di dieci anni. Questo mi ha fatto pensare che forse questo percorso fosse già insediato nella mia psiche molto tempo fa. Le ho detto che era amata, curata e al sicuro: le parole che ho sempre voluto sentire da piccola. Mi sembrava di tornare nel passato e di darle un abbraccio gigante, e l’ho sentito rimbalzare nel presente”.

È stato emozionante anche quando ha spinto sé stessa bambiba a scriverle una lettera “nel presente. Durante la lettura, ho sentito le spirali di ruminazione – quelle in cui cado a volte quando provo vergogna o delusione – dissolversi un po’. Queste interazioni hanno davvero chiarito il potenziale curativo di questo mezzo: essere in grado di inviare amore indietro nel passato, così come ricevere amore da un sé più giovane. Il blocco che si sblocca, di trovare la chiusura con il senso di colpa passato o le storie che avevamo di noi stessi”.

Infine la giovane ha pubblicato un tutorial per chi volesse creare un chatbot “bambino interiore”, utilizzando GPT-3. Quest’ultimo è un modello di linguaggio autoregressivo che utilizza il deep learning per produrre testo simile a quello umano. Sviluppato da OpenAI, richiede una piccola quantità di informazioni di input per generare grandi volumi di testo pertinente e sofisticato generato dalla macchina. Chiunque può usarlo ma richiede molto lavoro.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
L’intelligenza artificiale parla con gli animali: “Rotta la barriera di comunicazione tra specie”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com