Home » Kevin Bacon: “Il successo è un incubo, mi sono allontanato per un motivo. Oggi vivo nella mia fattoria”
Spettacolo

Kevin Bacon: “Il successo è un incubo, mi sono allontanato per un motivo. Oggi vivo nella mia fattoria”

Kevin Bacon: “Il successo è un incubo, mi sono allontanato per un motivo. Oggi vivo nella mia fattoria”. Secondo gli esperti del settore, poteva essere una delle più grandi star del Cinema, ma ha scelto di andarsene da Hollywood da giovane, all’apice della sua carriera. Oggi, l’attore statunitense, 62 anni, vive in una fattoria nello stato di New York e rifiuta offerte su offerte perché ha deciso di interpretare solo i ruoli che lo motivano, come il detective corrotto in ‘City on a hill’. È sposato con la stessa donna da 33 anni, l’attrice Kyra Sedgwick, e ha mantenuto I piedi ben saldi nonostante il grande successo mondiale.

“I miei genitori hanno avuto cinque figli di fila, poi dopo otto anni sono nato io. Non so cosa sia venuto prima, la gallina o l’uovo… ma prima di sapere cosa significasse essere un attore, ricordo che volevo essere visto, prestarmi attenzione, volevo recitare”, dice in una lunga intervista a El Pais.

È partito per New York a 17 anni alla ricerca di ciò che odia oggi, essere una star. “La gente si stupisce quando lo ammetto, ma è così: la fama mi ha chiamato. Soldi e donne. Volevo le copertine delle riviste, sognavo di vedere il mio nome su cartelloni giganti”, continua.

Kevin Bacon: “Il successo è un incubo, mi sono allontanato per un motivo”

Ha iniziato a studiare recitazione e questo ha cambiato tutto. “Certo, volevo ancora essere famoso, non lo nascondo, ma mi sono appassionato alla recitazione dal punto di vista creativo. All’improvviso, il mio sogno si è trasformato semplicemente nell’essere un bravo attore. Mi sono reso conto che non ero molto bravo e che la fama non era facile, quindi avrei dovuto lavorare sodo per raggiungerla. Il successo è diventato secondario“.

La sua testa era piena di miti e riferimenti: Meryl Streep, Jack Nicholson, Dustin Hoffman, Martin Scorsese, Sidney Lumet, Brian de Palma… “Volevo essere un attore di New York, non di quelli che vivevano a Los Angeles. Era una cosa che si decise allora: restare a New York per fare teatro oltre che cinema”.

Ma la chiamata di Hollywood è arrivata e Bacon è diventato improvvisamente una star internazionale. “Non mi è piaciuto niente. Non c’è modo di descrivere la fama e tutta quell’attenzione a qualcuno che non l’ha vissuta. Non è solo il fatto che tutti ti conoscono, è qualcos’altro. Un incubo“, ricorda.

Kevin Bacon: “Oggi vivo nella mia fattoria”

La sua soluzione era voltare le spalle a tutto. “Non lo so, mi sono ribellato, forse non ero ancora pronto, anche se avevo già 24 anni. Penso che sia stato in parte a causa dei nomi che mi hanno ispirato, quelle icone degli anni Settanta […] Fu coraggio o ignoranza? Essere coraggiosi e ignoranti vanno di pari passo, giusto? Ho anche preso decisioni molto sbagliate. Ma tutto è finito bene e preferisco guardare avanti“, aggiunge l’attore ai microfoni di El Pais.

Oggi l’attore si diverte su Instagram e TikTok, dove promuove il suo lavoro di musicista. Lo scorso ottobre ha pubblicato un album con il gruppo The Bacon Brothers, creato insieme al fratello. Ne approfitta anche per condividere ricette, registrarsi mentre canta alle sue capre o fare scherzi a sua figlia. “Sono entrato a malincuore perché ne avevo bisogno per la nostra ONG, Six Degrees. Qualcuno mi ha detto che se non l’avessi fatto bene, sarebbe stato meglio lasciarlo. Sono creativo, se sono senza lavoro non mi siedo sul divano a leggere. Ad essere onesti, non mi piace leggere“.

E a proposito della crisi di mezza età, spiega: “Quando raggiungi i 50 o i 60 anni, hai paura di perdere il potere che hai e ti chiedi in che modo rimanere rilevante. Ci sono persone che decidono di non lottare per questo e passano il loro tempo giocando a golf o facendo giardinaggio o qualunque cosa per cui trascorrono la pensione. Jackie non è quel tipo di persona e come attore mi identifico totalmente. Voglio andare avanti e avanti. Senza lavoro sarei stanco e depresso”.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com